Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA NUOVA NORMATIVA

Internet, la Cina verso una stretta sulla privacy

Entro l’anno una nuova normativa: il governo di Pechino consentirà alle web company di raccogliere dati personali online solo se “strettamente necessario”. Prevista anche la cancellazione immediata delle info dopo l’utilizzo

06 Apr 2012

F.Me.

Entro la fine di quest’anno la Cina si doterà di precise direttive sulla raccolta dei dati personali online. Il disegno di legge, già approvato il 30 dicembre dello scorso anno dal Comitato Nazionale per la Sicurezza delle Tecnologie Informative del ministero dell’Industria di Pechino, impone agli operatori attivi sul web la raccolta dei dati personali degli utenti "solo se strettamente necessario e di cancellarli immediatamente dopo l’uso", scrive il China Daily.

Il progetto legislativo attende solamente la definitiva approvazione del Consiglio di Stato (il governo) cinese. La Cina, con i suoi 513 milioni di utenti, ha la più grande popolazione Internet del mondo, secondo stime pubblicate a gennaio 2012 da un centro di ricerche sulla rete Internet in Cina. I casi di abuso a danno degli utenti sono ricorrenti: secondo una relazione ministeriale, la situazione dei dati sensibili dei visitatori di circa 105 siti, compresi Amazon.cn e altre piattaforme locali di e-commerce, "non sembrava buona". Circa il 60 percento degli utenti cinesi ha subito infatti il furto di dati personali quali identità, informazioni familiari e patrimoniali, e-mail e cronologia, secondo quanto riportato da fonti ministeriali.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cina
I
internet
P
privacy

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link