Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

iPad2, Jp Morgan: “Dominerà il mercato fino al 2012”

Analisti concordi sulla forza dirompente del nuovo tablet: nonostante gli annunci dei competitor Apple manterrà la leadership almeno per i prossimi 12 mesi. Negli Usa scatta la corsa a disfarsi del vecchio iPad. Debutto in Italia il 25 marzo

03 Mar 2011

Se il 2010 è stato l’anno dell’iPad, il 2011 sarà quello
dell’iPad 2. Ne sono convinti gli analisti, tutti d’accordo con
quanto sottolineato dal guru di Cupertino Steve Jobs, in occasione
della presentazione del nuovo gioiello di casa Apple: “Nonostante
l’onda dei copycat stia provando ad invadere il mercato,
l’iPad2 li sconfiggerà tutti”.

Intanto in America parte la caccia grossa al nuovo iPad, più
sottile, veloce e con due telecamere. Ma anche la corsa a disfarsi
del proprio vecchio grasso iPad. Il negozio online di gadget di
seconda mano Gazelle, durante la prima ora dalla presentazione
della nuova creatura ha acquistato 2mila iPad usati, un record
rispetto ai 1.200 iPhone del primo giorno di annuncio
dell'iPhone 4. Oggi per 300 dollari su Gazelle è possibile
comprare un iPad 16Gb wi-fi.

Anche la stessa Apple offre prezzi scontati per il vecchio iPad:
349 dollari per un modello rigenerato (esemplari riconsegnati
entro un mese dall'acquisto, testati dalla stessa Apple).
Infine, per i clienti che hanno comprato un iPad nelle ultime due
settimane può restituirlo all'azienda o chiedere un rimborso
di 100 dollari.

Tornando ai commenti degli analisti, secondo Sarah
Rotman
, di Forrester Research, nel 2011 la nuova tavoletta
conquisterà l’80% del mercato statunitense e non solo per le
innovazione tecnologiche inserire nel prodotto quanto per “le
emozioni che sarà in grado di suscitare nei consumatori –
sottolinea Rotman, ancora una volta in accordo con quanto detto da
Jobs: nell’era del post-Pc non conta solo la tecnologia, ma anche
l’emozione e la creatività”.

“In un mondo post-Pc . continua Rotman – i consumatori hanno un
rapporto più intimo con i loro dispositivi. Li usi sul divano e
sul letto e non solo per lavorare. Diventano una sorta di totem da
mostrare ad amici e conoscenti: secondo un’indagine Forrester il
40% dei proprietari di iPad condivide il device con altre persone
siano esso proprietari o meno del tablet. Jobs ha perfettamente
compreso che il desiderio è il modo più intelligente e quindi
più efficace per differenziare il tuo ‘pezzo di vetro’ da
altri pezzi di vetro che svolgono essenzialmente le stesse
funzioni”. Amazon, Sony e Microsoft sono sul piede di guerra per
provare a scalzare Apple da podio del tablet e con l’iPad2
Cupertino tenta di rafforzare la sua leadership. “In futuro lo
scontro sarà turbolento”, conclude Rotman.

Mark Moskowitz, analista di JP Morgan, si spinge
oltre. “Viste le vendite stellari della prima versione
dell’iPad il device della Mela dominerà il mercato almeno fino
al 2012. La fiducia che Jobs ripone in questa nuova release è
dunque ben riposta”.

A presentare l'iPad 2 sul palco della Yerba Buena center di San
Francisco Steve Jobs. “Abbiamo lavorato molto, non volevo mancare
a questa presentazione”. Secondo il guru di Cupertino se il
2010  “è stato l'anno dell'iPad” il 2011 sarà quello
del 2". 
Davanti a un pubblico “giubilante”, il padre della Apple –
mettendo a tacere le ultime voci sul suo stato di salute – ha
mostrato il nuovo iPad, più sottile con uno spessore che è
passato da da 13,4 millimetri a 8,8 (l’iPhone4, ad esempio è di
9,3 mm), meno pesante (da 680 a 601 grammi).

Per quanto riguarda il processore è di tipo A5 a doppio nucleo,
due volte più potente del precedente A4; potenziata anche la
grafica per dare soddisfazione al crescente mercato dei
videogiocatori. La memoria interna è disponibile, come per
l'iPad1, da 16 Gb a 64 Gb.

Il nuovo iPad sarà disponibile da subito in due versioni, uno con
la cornice nera e una con la cornice bianca, contrariamente
all’iPhone4 che, a un anno dal lancio, è disponibile ancora solo
di colore nero. A rimanere la stessa della prima versione, invece,
la durata della batteria: 10 ore di uso reale e un mese di standby.
L’iPad2 ha anche una doppia videocamera – Vga davanti e Hd 720p
sul retro – che permette la videoconferenza WiFi, chiamata da Apple
“FaceTime”. Compatibile con iPhone 4, iPod touch e Mac,
FaceTime è un sistema rapidissimo per mettere in collegamento
video due Mac e organizzare riunioni e incontri di lavoro a
distanza semplicemente con un iPad. Niente Usb, ma un adattatore
Hdmi per duplicare lo schermo sulla tv. Altra innovazione, poi, la
custodia magnetica in poliuretano pieghevole che rende il device
più facile e sicuro da trasportare.

Migliorati anche i software aggiuntivi della nuova versione di iOS
4.3 il cui rilascio (gratuito) è previsto contestualmente
all'uscita dell'iPad2: con Garageband e con iMovie per iPad
arrivano a meno di sette euro due applicativi semplici e potenti
per montaggio video e per registrazione e montaggio audio.

“Nel Dna di Apple – ha concluso Steve Jobs – non c'è
solo la tecnologia ma anche l'attenzione alla creatività. I
nostri concorrenti non lo capiscono: pensano all’hardware e alla
potenza di calcolo, mentre per i device post-Pc che stiamo
realizzando ci vuole qualcosa di più. Devono essere più facili,
più intuitivi di un Pc. Apple è l'azienda giusta per avere
successo con questo tipo di prodotti”.

Infine il prezzo, i clienti Usa lo potranno acquistare a partire
dal prossimo 11 marzo a un prezzo che varia dai 499 agli 829
dollari; nel resto del mondo sarà commercializzato dal 25 marzo
(Italia compresa).

Dopo aver dominato il 2010 conquistando il 90% del mercato con la
prima generazione di iPad, di cui sono stati venduti 15 milioni di
pezzi in dieci mesi (pari a 9,5 miliardi di dollari di fatturato),
Cupertino ha intenzione di arrivare a fine 2011 a 30 milioni di
pezzi, battendo una concorrenza sempre più agguerrita che, secondo
Jobs “non è neanche all'altezza del primo iPad. L'iPad 2
li schiaccerà completamente”.