Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Italia e Brasile in tandem per rivitalizzare il comparto Ict

L’associazione, nata lo scorso agosto, è presieduta dall’onorevole Fabio Porta

01 Set 2009

Un organismo ad hoc per sviluppare,agevolare e promuovere i
rapporti culturali, economici, istituzionali e sociali tra
l’Italia ed il Brasile. É l’Associazione Italia- Brasile nata
lo scorso 3 agosto e presieduta da Fabio Porta, deputato eletto in
Brasile e membro della Commissione esteri alla Camera dei
Deputati. “L’associazione ha lo scopo di interessare gli
ambienti politici, economici, sociali e culturali italiani e
brasiliani all’esame dei diversi aspetti delle relazionitra i due
paesi, al loro sviluppo e miglioramento – spiega Porta -. Credo
che sia fondamentale assicurare un lavoro continuo per lo sviluppo
di relazioni più solide tra i due paesi. E’ nostra intenzione
anche promuovere e realizzare studi, programmi di comunicazione,
per la diffusione della conoscenza, dell’immagine e della cultura
dell’Italia nel Brasile e del Brasile in Italia.”
 
Due i punti di forza dell’Associazione Italia-Brasile: il primo
uno stretto collegamento con l’Associazione europea EUBrasil con
sede a Bruxelles, punto di riferimento dei rapporti istituzionali
ed economici tra l’Europa ed il Brasile, con la quale è già in
programma una missione congiunta per il prossimo mese di settembre.
Il secondo la creazione dell’ Italy-Brazil Business Council per
promuovere una maggiore collaborazione industriale ed economica tra
i due Paesi in particolare nei settori dell’energia e delle
energie alternative, delle infrastrutture, della difesa e delle
comunicazioni, ed una più approfondita conoscenza del Brasile tra
le aziende italiane e cogliere, nel contempo, le esigenze delle
medesime per un più proficuo sviluppo della collaborazione con
quelle brasiliane.