Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Itu, in due miliardi sul Web: online un abitante su tre

Il 57% degli utenti nei Paesi in via di sviluppo, la Cina fa da traino. Si intravede la fine della crescita a due cifre nella telefonia mobile

27 Gen 2011

Un abitante su tre del pianeta Terra è online: due miliardi gli
utenti della Rete nel mondo. Lo dice il segretario generale
dell'Itu, l'agenzia Ict delle Nazioni unite, Hamadoun
Toure, annunciando il rapporto 2011. Anche il numero di
sottoscrizioni mobili ha raggiunto una soglia simbolica, 5
miliardi. Nel 2000 erano solo 500 milioni gli abbonati mobili nel
mondo e 250 milioni gli utenti di Internet.

"La crescita molto elevata nella telefonia mobile sta
rallentando. Siamo alla fine della crescita a due cifre nel
mobile" ha detto Susan Teltscher, capo ITU delle ricerche di
mercato e statistiche.
Con una popolazione mondiale superiore ai 6,8 miliardi, quasi una
persona su tre naviga online.
Il 57% degli utenti si trova in paesi in via di sviluppo.

Il numero di abbonamenti Internet a banda larga fissa nel mondo ha
superato il mezzo miliardo per la prima volta nel 2010,
raggiungendo i 555 milioni, mentre il numero di abbonamenti alla
banda larga mobile è salito a 940 milioni. Di contro le reti di
telefonia fissa sono diminuite per il quarto anno consecutivo,
scendendo di poco sotto i 1,2 miliardi.

Asia e il Pacifico hanno guidato il passaggio nel mondo digitale
portando in dote più di 100 milioni di utenti internet al
conteggio globale: il numero complessivo di utenti internet della
regione è di 857 milioni: fa da traino la Cina.

Ma la più alta densità di navigatori online si trova in Europa,
seguiti dall'America, gli Stati dell'ex Unione Sovietica e
i Paesi arabi. La crescita più rapida online negli ultimi anni si
è verificato in queste ultime due regioni. Nei Paesi arabi, il
numero di utenti di internet ha raggiunto 88 milioni, raddoppiando
nel giro di circa cinque anni.

La crescita nella ex Unione Sovietica è stato ancora più veloce:
recuperando a veloci ritmi rispetti ai bassi tassi di penetrazione
del passato, registra 127 milioni di utilizzatori Internet alla
fine del 2010 rispetto ai 51 milioni nel 2007.