Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’e-health made in Italy sbarca in Messico

26 Apr 2011

È destinato agli ospedali dell’Instituto Mexicano de Seguro
Social (Imss) in Messico, il progetto per la fornitura di sistemi
informatici di archiviazione e trasmissione delle immagini
diagnostiche (Ris-Pacs), portato a compimento da Exprivia.
Il progetto rappresenta la prima referenza di Exprivia in ambito
sanitario nel Messico ed è il risultato concreto della
collaborazione con Informatica Tesi De Italia, società
rivenditrice del gruppo nel mercato messicano, e della “vocazione
internazionale” delle soluzioni  di
Exprivia.Grazie alle soluzioni innovative di Exprivia, i 23
ospedali dell’Imss sono passati da una gestione completamente
cartacea delle pratiche senza nessun controllo del dato clinico,
all’utilizzo esclusivo di un sistema informatizzato completamente
integrato per la gestione della totalità dei flussi informativi e
della diagnostica per immagini, con conseguenti ricadute positive
in termini assistenziali, gestionali, organizzativi ed
economici.

L’implementazione del nuovo progetto consente agli enti
ospedalieri di beneficiare di un aumento della qualità e
affidabilità del referto medico, dell’annullamento del rischio
clinico (inteso come errata associazione tra immagini e dati
anagrafici) e del rischio di smarrimento della documentazione,
oltre che di conseguenti miglioramenti nella riduzione delle liste
di attesa per i pazienti e nell’abbattimento dei costi di
esercizio e dei consumi.

Il progetto, realizzato in soli 3 mesi, risulta strategico per
Exprivia anche perché è la prima fornitura presso l’Imss, uno
dei primari raggruppamenti ospedalieri in Messico, che si compone
di ben 310 ospedali di cui fanno parte i 23 istituti serviti: la
fornitura risulta perciò interessante anche per il bacino
potenziale di nuove installazioni che consentirebbero di acquisire
una importante quota del mercato messicano in ambito sanitario.

“Questo contratto segna un passo importante del gruppo nel
mercato sanitario in America Latina, area ancora poco presidiata
tecnologicamente nel segmento Ris-Pacs – sottolinea Stefano
Ferrara, direttore della Business Unit Sanità ed Enti locali di
Exprivia – Questa prima referenza, l’ottima collaborazione con
il nostro rivenditore locale e la competenza tecnologica
riconosciutaci, sono ottime basi per consentirci di sviluppare la
penetrazione in questo mercato, con la nostra offerta completa di
soluzioni innovative e servizi industrializzati per la sanità, in
linea con lo sviluppo strategico internazionale previsto dal piano
industriale 2011-2013”.