Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’iPad scalza il dvd nel nuovo paniere Istat

Quest’anno l’inflazione sarà calcolata anche in base ai prezzi dei tablet pc. Via al nuovo schema di classificazione della spesa per consumi: restano i servizi Internet e telefonia mobile

04 Feb 2011

Esce il Dvd ed entra di diritto l’iPad. Cambia così il paniere
2011 dell’Istat, cartina di tornasole per calcolare
l’inflazione. Quest’anno – fa sapere l'Istituto – entrano
il tablet pc, il fast food etnico, il salmone affumicato,
l'ingresso ai parchi nazionali, ai giardini zoologici e
botanici, servizi di trasporto extraurbano multimodale integrato
Esce, invece, la posizione noleggio dvd.

Oltre alle new entry iPad e kebab, l' Istat ricorda che a
partire da gennaio 2011 per gli indici dei prezzi al consumo è
adottato “un nuovo e più articolato schema di classificazione
della spesa per consumi”. In particolare, l'indice dei prezzi
al consumo per l'intera collettività (Nic) viene diffuso con
un livello di dettaglio che arriva a 319 “Segmenti di consumo”,
contro le precedenti 204 “Voci di prodotto”. Complessivamente
il paniere 2011 è composto da 1.377 prodotti. Tra le voci, già
presenti nella vecchia classificazione e mantenute nella nuova,
spiccano i servizi di telefonia mobile (traffico voce e sms) e i
servizi internet da rete mobile.

Nel 2011 sono 85 i comuni capoluogo di provincia che concorrono al
calcolo degli indici (erano 83 nel 2010). Il comune di L'Aquila
riprende l'attività di rilevazione, dopo due anni di
interruzione a causa degli effetti del terremoto del 2009. Entra
Messina e riprende la partecipazione Salerno. Nella struttura di
ponderazione dell'indice Nic aumenta il peso relativo delle
divisioni Trasporti, Abitazione, acqua, elettricità e
combustibili, Servizi sanitari e spese per la salute, Istruzione e
Bevande alcoliche e tabacchi. Il calo più rilevante in termini
assoluti riguarda invece la divisione Mobili, articoli e servizi
per la casa.

L' Istat ricorda infine che, a partire proprio dalle stime
provvisorie di gennaio, l'indice dei prezzi al consumo per
l'intera collettività (Nic) e per le famiglie di operai e
impiegati (Foi) sono diffuse con base di riferimento 2010
(2010=100), che è stata così aggiornata rispetto alla precedente
fissata al 1995.