Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La PA spinge il business di Exprivia

Grazie alle perfomance delle unit Sanità ed Enti Locali la società archivia i primi nove mesi del 2010 con ricavi in crescita dell’11,4% e redditività a +5%. L’Ad Favuzzi: “Entro il 2013 raddoppieremo il fatturato”

12 Nov 2010

Primi nove mesi del 2010 e terzo trimestre in positivo per
Exprivia. Nei mesi gennaio-settembre 2010 il valore della
produzione è cresciuto del 9,3% rispetto al 2009 attestandosi a
69,7 milioni di euro mentre il risultato al terzo trimestre è pari
a 21,6 milioni con un incremento del 8,0% rispetto allo stesso
periodo dell’esercizio precedente.

Anche i ricavi netti consolidati nei primi nove mesi sono risultati
in crescita dell’11,4% rispetto al 2009 attestandosi a 67,7
milioni e il contributo del terzo trimestre è stato pari a 21,1
Milioni di Euro in crescita del 9,7% rispetto al Q3 2009.

“La crescita è da attribuirsi in particolare al contributo della
Business Unit Sanità ed Enti Locali, che sta beneficiando di nuove
commesse pluriennali – spiega la società in una nota – e dalla
Business Line Industria che ha rafforzato il suo posizionamento di
mercato, in particolare nei Sistemi di Warehouse Management evoluti
e di Manufactoring Execution complessi”.

Il margine Ebitda gennaio-settembre 2010 e di 10 milioni con una
crescita del 5% rispetto al 2009. Il contributo del terzo trimestre
è stato pari a 4,2 milioni con un incremento del 31,7% rispetto al
risultato del terzo trimestre 2009. “Dopo la fase di avvio la
realizzazione delle commesse pluriennali ha contribuito a tale
incremento di efficienza – prosegue la nota -. Il margine Ebit
consolidato si è attestato al 30/9/2010 a 8 milioni con una
crescita del 9,3%, mentre il contributo del Q3 2010 è stato pari a
3,5 milioni con un incremento del 45,2% rispetto al risultato del
terzo trimestre 2009”.

Nei primi nove mesi il risultato ante imposte si è attestato a 6,7
milioni con una crescita del 18,2%, mentre il contributo del Q3
2010 è stato pari a 3 milioni con un incremento del 56,2% rispetto
al risultato del terzo trimestre 2009.

“Nonostante il protrarsi di una situazione economica difficile –
commenta Domenico Favuzzi, presidente e amministratore delegato di
Exprivia -. Exprivia sta migliorando il suo posizionamento
competitivo grazie alla continua crescita dei ricavi e della
marginalità. Questo è dovuto alla piena condivisione di tutto il
management e dei dipendenti del Gruppo sul piano strategico
triennale annunciato a fine ottobre; tale piano prevede il
raddoppio del fatturato al 2013, facendo leva sull’Innovazione,
l’Industrializzazione e l’Internazionalizzazione.”

Per quanto riguarda il patrimonio netto del gruppo, nel periodo
gennaio-settembre è pari a 63,7 milioni rispetto ai 61,3 milioni
registrati nello stesso periodo del 2009. L’incremento è da
attribuirsi principalmente all’esercizio della prima tranche del
piano di stock option per 0,6 milioni di Euro, per 3,2 milioni di
Euro al risultato dell’esercizio e per -2 milioni al pagamento
del dividendo relativo all’esercizio 2009.

La posizione finanziaria netta consolidata al 30 settembre 2010
risulta pari a -40,5 milioni di euro rispetto ai -39,3 milioni del
31 dicembre 2009 , ed è costituita per il 61% da finanziamenti a
medio-lungo termine ordinari e a tassi agevolati. Nonostante
l’incremento dei lavori in corso su ordinazione, cresciuti di
circa 7,7 milioni, l’indebitamento complessivo è rimasto
sostanzialmente stabile grazie ad una più attenta gestione del
capitale circolante netto.