Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA TRIMESTRALE

L’automotive traina i conti di Stm, ma il 2019 inizia in salita

Nel quarto trimestre 2018 la società di microelettronica vede crescere l’utile netto del 60,4% a 1,29 miliardi di dollari e i ricavi a +15,8%. Ma per inizio anno si stima un calo dei ricavi netti (-20,7%) a causa della dinamica sfavorevole di alcuni mercati

24 Gen 2019

A. S.

Il 2018 si chiude per StMicroelectronics con un andamento dei conti in positivo, con l’utile netto che tocca quota 1,29 miliardi di dollari, a +60,4% rispetto all’anno precedente. I ricavi crescono del +15,8% a 9,66 miliardi di dollari, con il reddito operativo che sale a 1,40 miliardi con un +39,3%. Nello specifico del quarto trimestre 2018 l’utile è di 418 milioni di dollari, con i ricavi pari a 2,65 miliardi e il margine operativo al 16,8%. Quanto ai dividendi cash, nel 2018 ne sono stati distribuiti per un ammontare di 216 milioni di dollari.

Meno positive le prospettive per l’inizio del 2019, dal momento che la guidance per il primo trimestre prevede un calo dei ricavi netti di circa il 20,7% su base sequenziale, e del -5,7% anno su anno.

“Per il primo trimestre del 2019 prevediamo ricavi per circa 2,1 miliardi di dollari come valore intermedio – afferma Jean-Marc Chery, presidente e ceo di STMicroelectronics –  Su base sequenziale questo dato rappresenta una flessione di circa il 20,7% e riflette l’impatto di dinamiche sfavorevoli rafforzate in alcuni dei mercati finali che serviamo, sommate alla consueta stagionalità del primo trimestre. Dal punto di vista della redditività, ci aspettiamo un margine lordo intorno al 39% come valore intermedio”.

“Per il 2019 – prosegue Chery- i nostri obiettivi principali sono di continuare a fare meglio del mercato che serviamo, bilanciare la nostra focalizzazione su segmenti di mercato e applicazioni e dare attuazione ai nostri programmi strategici in materia di tecnologie, attività di R&S e produzione. In quest’ottica, prevediamo di investire tra 1,2 e 1,3 miliardi di dollari in conto capitale”.

Quanto al 2018, Chery parla di “una buona performance nel quarto trimestre, con ricavi netti e reddito operativo in crescita rispettivamente del 5,0% e dell’11,5% rispetto al trimestre precedente grazie soprattutto a imaging, automotive e discreti di potenza. E’ stato un anno importante – conclude – In linea con gli obiettivi che ci eravamo posti, abbiamo realizzato una crescita significativa dei ricavi attraverso tutti i gruppi di prodotto, oltre ad una forte espansione della redditività e del cash flow da attività operative”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

J
Jean-Marc Chery

Aziende

S
Stm

Approfondimenti

A
Automotive
M
microelettronica

Articolo 1 di 4