Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OVUM

Le banche sottovalutano il “potere” dei tablet

Ovum: il settore finanziario non ha ancora compreso appieno le potenzialità delle tavolette come strumento per semplificare il rapporto diretto con la clientela

02 Mag 2012

P.A.

Settori come il corporate banking e il wealth management devono ancora comprendere appieno i vantaggi in termini di fruizione di contenuti legati ai tablet. Lo scrive Ovum, secondo cui le caratteristiche del tablet sono fortemente indicate per la condivisione di content finanziario con i clienti, in particolare durante meeting e riunioni di persona. L’interazione con il cliente viene nettamente semplificata grazie al tablet, secondo la società di analisi.

“Il settore finanziario è uscito dalle secche della crisi, ma c’è la necessità di ricreare una vera credibilità – diceRik Turner, senior analyst di Ovum – per questo passare più tempo a contatto diretto con il cliente è un plus e tramite il tablet il processo di riavvicinamento si semplifica”. La diffusione dell’Html5 e funzioni che coinsentono di lavorare offline, accedere a liste di contatti dal tablet, anche se ci sono ancora diversi problemi da risolvere sul fronte secuirty, contribuiranno alla maggior diffusione di questo device.

Argomenti trattati

Approfondimenti

O
ovum
T
tablet