Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mappe al servizio del ministero dei Trasporti Usa

29 Lug 2010

Navteq ha annunciato la scelta del Ministero dei Trasporti
statunitense (Dot Department of Transportation) di avvalersi dei
suoi dati cartografici per le informazioni e i servizi geospaziali
forniti alla Sezione Ricerca e Tecnologie Innovative (Rita Research
and Innovative Technology Administration) dell’Ufficio per le
Statistiche sui Trasporti (Bts).

I dati cartografici verranno utilizzati per una serie di programmi
di ricerca e analisi finalizzati allo sviluppo di tecnologie
avanzate per il sistema dei trasporti. I dati cartografici saranno
integrati con le reti geospaziali e con le infrastrutture dedicate
alla gestione dei trasporti, in modo da consentire la creazione di
una rete multimodale in grado di supportare le funzioni di calcolo
degli itinerari in GeoMiler, l’applicazione utilizzata dalla
sezione Rita del Bts (Bureau of Transportation Statistics). Questa
applicazione sviluppa modelli multimodali di base che consentono il
calcolo degli itinerari per la spedizione di merci a livello
nazionale internazionale e per diversi sistemi di trasporto, e
comprende porti marittimi, aeroporti, reti ferrovie e stradali. Gis
Solutions, fornitore di servizi e prodotti GIS, aggregherà le
mappe Navteq con altri dati compatibili, convertendoli nei formati
supportati dall’applicazione GeoMiler.

“Navteq è impegnata al servizio di tutti gli enti statali
statunitensi. Siamo onorati di essere stati scelti per svolgere un
ruolo tanto important e a livello operativo”, ha dichiarato Roy
Kolstad, vicepresidente responsabile del settore imprese di Navteq
nel continente americano. “L’accesso a un set di dati
cartografici completo, accurato e su scala nazionale aiuterà il
Ministero dei Trasporti statunitense a sviluppare e fornire servizi
di ricerca e analisi ancora più efficienti e a incrementare la
cooperazione tra i sistemi di trasporto a livello
geospaziale”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link