Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Multiscreen e multicanale: così l’impresa del futuro

Adobe lancia una piattaforma per consentire alle aziende di sfruttare le potenzialità dei canali digitali e in particolare dei social networks. Valle: “Modello di pricing personalizzato e offerta tarata sulla base dei volumi di traffico”

25 Mag 2011

“Noi di Adobe non ci limitiamo soltanto a proporre esperienze
digitali ma ci sforziamo di renderle ‘coinvolgenti’ per i
nostri clienti, tipicamente le strutture di marketing di grandi ma
anche piccole società con un elevato numero di clienti gestiti
online. Mentre per anni ci siamo preoccupati pressoché unicamente
di fornire strumenti per la creazione e la distribuzione di
contenuti, da qualche tempo, grazie anche a delle acquisizioni
mirate, forniamo anche servizi di ottimizzazione, Ovvero una
piattaforma completa multiscreen e multicanale per le imprese che
vogliono essere davvero digitali e avvalersi appieno dei dati
rilevabili sui social networks”.

In sintesi è questa una delle linee strategiche di Adobe
illustrata oggi da Andrea Valle, Emea senior techical architect
della società, durante un incontro con la stampa per illustrare i
più recenti annunci. “Si stima, aggiunge che oggi a fronte di 80
dollari spesi per fare pubblicità, appena uno viene impiegato per
stimolare il cliente a fare operazioni sul sito. Una sproporzione
evidente, che andrà sicuramente corretta. Che con i nostri nuovi
tool pensiamo di poter già modificare nel breve termine, come
insegnano i casi di due nostri importanti clienti: Unicredit e Ing
Italia”. Per operare questa rimodulazione Adobe ha sviluppato una
piattaforma che integra al suo interno alcune importanti funzioni:
misurazione dei dati che transitano sul sito, esecuzione o
definizione di campagne, automazione di detti processi e estensione
delle medesime regole a tutti canali online per un approccio
unitario e integrato.

La società ha anche realizzato un data center a Londra per
sostenere le attività e da un paio di mesi tutti i nuovi clienti
europei sono supportati da questo sito. C’è un dato che Valle
ama ricordare: “Le nostra soluzioni ormai gestiscono più di 3000
miliardi di transazioni al trimestre. E’ doveroso da parte nostra
fornire gli strumenti più avanzati per ottimizzare i flussi e
permettere alle strutture di marketing delle aziende di cogliere i
migliori risultati dai loro investimenti pubblicitari e nei siti.
Lo facciamo con una piattaforma flessibile e un modello di pricing
molto personalizzati e basato quasi sempre sui volumi di
traffico”.

E’ quanto si propone di fare Online Marketing Suite, la
piattaforma di nuova generazione basata su tecnologia Omniture,
appena lanciata. Le aree social, mobile e video sono diventate
canali digitali mainstream e la nuova piattaforma è stata
appositamente progettata per supportare l’analisi con ricerche
più approfondite e indicazioni più tempestive su queste tipologie
di flussi di dati. Inoltre, la piattaforma potrà essere estesa a
nuovi e imprevedibili canali di interazione e, promette Adobe,
amalgamerà tutti gli elementi dell’informazione
nell’infrastruttura analitica complessiva.

La Suite si compone di applicazioni integrate per raccogliere e
sfruttare il potere delle informazioni sui clienti con l’intento
di ottimizzare il lavoro di acquisizione, conversione e
fidelizzazione dei clienti nonché la creazione e distribuzione dei
contenuti. Ad esempio, utilizzando la Suite, i professionisti del
marketing possono individuare le strategie più efficaci e la
collocazione migliore per gli annunci pubblicitari, oltre a
garantire ai clienti un’esperienza interessante, personalizzata e
omogenea su tutti i canali del marketing digitale: on-site,
schermi, e-mail, social media, video e mobile.

Uno dei nuovi componenti della Suite è SocialAnalytics, che
permette di monitorare, misurare e monetizzare i social media.
“Quello del Web sociale è uno dei più ampi focus group del
pianeta e i professionisti del marketing si sforzano di escogitare
modalità per dare a questi gruppi massimo ascolto e
partecipazione”, osserva Gaetano De Benedetto, solution
consultant omniture Business Unit Adobe Systems Italia.

“Quello che mancava era una soluzione che li aiutasse a
individuare le voci e le attività più importanti, a legare le
attività sociali al brand e all’impatto sul business e quindi ad
agire per ottimizzare tale impatto. SocialAnalytics può fornire
alle aziende le informazioni circa il modo di partecipare nel Web
sociale, sostituendo il lavoro basato su supposizioni con le
strategie o la sperimentazione costruite sulla base di precise
indicazioni”.