Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nasce a Parigi la scuola dei mestieri del Web

L’Ecole Européenne des Métiers de l’Internet promossa da tre big dell’economia francese: Niel (Free), Simoncini (Meetic) e Granjon (Vente-privee.com) che mettono sul piatto 500mila euro a testa per lanciare l’istituto. Obiettivo: formare nuovi lavoratori “digitali”

06 Giu 2011

La Francia avrà una scuola interamente dedicata ai mestieri del
Web. Il nuovo istituto che avrà sede a Parigi, è stato promosso
da tre big dell'Internet transalpino, Xavier Niel (Free) Marc
Simoncini (Meetic) e Jacques-Antoine Granjon (Vente-privee.com) che
oggi hanno presentato la “L'Ecole Européenne des Métiers de
l'Internet” (Eemi) in occasione di una conferenza stampa.

“Ci siamo incontrati tutti e tre con la stessa idea in testa –
ha raccontato Granjon – Ci siamo detti: ci sono dei mestieri legati
alle attività in Rete che si stanno sviluppando velocemente e che
hanno sempre più richiesta di mercato, perché non creare una
scuola ad hoc?”. Dai tre imprenditori arriverà un contributo
iniziale di circa 500mila euro a testa per dare un “primo impulso
all'istituto” ha spiegato il manager, fondatore del sito
transalpino di vendite on-line.

A dare la sponda al progetto anche il governo francese. Eric
Besson, ministro responsabile per l'Economia digitale,
evidenziando i crescenti bisogni dell'industria del Web in
termini di posti di lavoro, ha sottolineato come “un 1/3 delle
offerte di lavoro per manager riguardano il settore
informatico”.

“L'industria del Web ha dei bisogni specifici e la scuola
proverà a rispondere a questi bisogni, preparando personale
altamente qualificato" ha puntualizzato Niel, presidente e
fondatore di Free. L'istituto, che aprirà a settembre, punta
ad accogliere tra i 100 e i 200 alunni già dal prossimo anno
scolastico e ad estendersi in un secondo tempo anche in altre
città europee.

Ma non è tutto: i tre imprenditori non escludono di finanziare
progetti pensati dagli stessi studenti. “Vogliamo creare il
Google di domani”, ha auspicato Simoncini, fondatore del sito di
incontri online Meetic in chiusura di conferenza stampa.