Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nasce a Roma EnLabs.com, l’incubatore per start up hi-tech

Al via il 30 novembre l’iniziativa sul modello americano della Silicon Valley promossa dall’imprenditore Luigi Capello

25 Nov 2010

Si trova nei pressi della Stazione Termini e sarà inaugurato il 30
novembre il primo incubatore dedicato a tutte le StartUps
tecnologiche e non solo, sul modello di quelli esistenti nella
Silicon Valley.

Gli EnLabs, Entrepreneurship Laboratories, nascono a Roma per
iniziativa di Luigi Capello, imprenditore e business angel che, da
anni, si muove professionalmente tra l'Italia e gli Stati
Uniti.

L'incubatore si estende su uno spazio di 400 metri quadrati ed
è destinato ad accogliere imprese in fase di early-stage e
start-up, accompagnandole durante tutta la fase di crescita e di
espansione a livello internazionale.

Roma è stata scelta come location di questo progetto, in quanto
posizionandosi al centro del Paese è facilmente raggiungibile sia
dal Nord che dal Sud. A questo proposito il posizionamento dei
locali dell'incubatore, nei pressi della Stazione Termini, nodo
essenziale dei trasporti non solo cittadini ma anche nazionali ed
internazionali, candidano gli Enlabs a diventare rapidamente un
vero e proprio 'catalizzatore' per idee imprenditoriali
provenienti da tutta Italia e non solo.

L'incubatore prevede, infine, oltre all'utilizzo dello
spazio fisico anche un'intensa attività di eventi, di
assistenza (mentoring) agli imprenditori e di incontri con
investitori (business angel o venture capitalist) e, in
coordinamento con altre associazioni, di poter far da facilitatore
per l'apertura di uffici in Sillicon Valley o in altre zone di
interesse. Lo spazio con oltre 40 postazioni funzionerà anche per
co-working ospitando fin da subito giovani desiderosi di iniziare
una attività imprenditoriale.

I partner dell'iniziativa sono molteplici legati sia ad
associazioni di business angels, venture capital e associazioni
internazionali. Non da ultimo alcune università, studi legali e
professionali e media di settore.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link