Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ora il botnet prende di mira le aziende alimentari

Arbor Networks: si diversifica il business dei cracker. Aggrediti da Darkshell i siti internet di 97 aziende cinesi e americane.

02 Feb 2011

I siti di alcune aziende del settore alimentare sotto attacco. Con
il sistema del botnet Darkshell molti attacchi DDoS sono stati
lanciati per 60 ore consecutive mettendo Ko molti indirizzi web.
Arbor Networks (provider americano che fornisce soluzioni per il
controllo e la sicurezza delle reti) ha monitorato, negli ultimi
tre mesi, le attività delle reti di criminalità informatica,
rilevando che gli attacchi si sono concentrati contro 97 vittime,
soprattutto in Cina e Stati Uniti. Sono state colpite aziende del
settore dei giochi per l’infanzia, gioiellerie e videogiochi. Ma
le vittime più colpite sono state le aziende coinvolte nel settore
della trasformazione industriale degli alimenti. Secondo Arbor
Networks, un dato che merita attenzione riguarda l’aggressione
mirata contro tre o quattro Url specifici.

"Abbiamo anche osservato casi in cui più botnet Darkshell
erano impegnati in attacchi coordinati contro una sola vittima. Si
può solo speculare sui motivi di questa attenzione aggressiva su
una nicchia relativamente piccola nel panorama online” ha
spiegato Jeff Edwards, analista per la sicurezza della Arbor
Networks che ha aggiunto: "È il segno della crescita, della
diversificazione e della specializzazione di questa economia
underground". Il provider americano non si è impegnato in
ulteriori considerazioni relative ai motivi dell’aggressione ma
ha fornito la chiave di lettura e tutti i dati necessari per
comprenderla. Visto che le vittime dell’attacco costituiscono una
piccolissima porzione del panorama online, i cracker che agiscono
sotto il nome di Darkshell, sono stati verosimilmente pagati per i
loro servigi da aziende rivali nel campo dell’industria
alimentare. L’aggressione contro i siti di gioiellerie,
videogiochi e prodotti per l’infanzia, in questo contesto,
rappresenterebbe solamente un tentativo di depistaggio.