Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'INIZIATIVA DEL CORRIERE DELLE COMUNICAZIONI

Per non dimenticare l’Agenda digitale

Sul sito Agendadigitale.eu del Corriere delle Comunicazioni si avvicenderanno i commenti di esperti e professionisti del settore. A raccontare, ognuno dal proprio punto di vista, perché la politica deve continuare un percorso ancora incerto

24 Apr 2013

Alessandro Longo

Agenda dimenticata, Agenda da tenere bene a mente pena danni irreversibili per l’Italia. Parlerà di questo- di un’emergenza e di un auspicio- un’iniziativa partita questa settimana su Agendadigitale.eu, il sito del Corriere delle Comunicazioni dedicato all’Agenda Digitale.

Lo spunto iniziale è un recente editoriale del Direttore Gildo Campesato (“Agenda Dimenticata”), che ha voluto cogliere un problema sul nascere: la politica sembra distratta sui temi Ict, il programma di riforme appare impantanato (o procede a rallentatore), eppure è proprio da qui, da questo settore, che può cambiare l’Italia. Proprio quel cambiamento radicale che molta parte della società e dell’industria invoca (e a cui la politica spesso si limita solo ad ammiccare) è favorito, a 360 gradi, dalla rivoluzione digitale.

Col nostro osservatorio vogliamo contribuire a puntare i riflettori sull’Agenda: a sprone della politica, a memento per tutti coloro che possono occuparsene. L’iniziativa sarà un avvicendarsi di voci autorevoli, sotto il tag “Agenda Dimenticata?”: accademici, esperti, addetti ai lavori, politici. Quel parterre di protagonisti che il sito Agendadigitale.eu ha voluto fin dagli inizi come anima ispiratrice.

C’è chi, come Guido Scorza e Cristiano Radaelli, punteranno l’attenzione su tutti i decreti attuativi annunciati e ancora pendenti, in ritardo. Altri, come Francesco Sacco (Bocconi) che argomenta i motivi per cui l’Ict è lo strumento migliore per tutti i grandi problemi italiani. A certe condizioni, però.

Ma sono attese anche le voci di tecnici di governo che già in passato sono apparse sul sito, a puntualizzare sul lavoro fatto e da fare. E’ un’iniziativa aperta a chiunque voglia analizzare la scena: fateci avere la vostra, a questo indirizzo e-mail.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agenda digitale

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link