Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Provincia di Roma, via ai web-pagamenti

Attivo da oggi lo sportello virtuale: si parte con i servizi di rinnovo delle licenze di caccia e pesca. Online anche un contenitore di news e blog

01 Giu 2011

Via al portale del pagamento della Provincia di Roma. Da oggi è
attivo il nuovo sito concepito per offrire ai cittadini un servizio
semplice e sicuro per il pagamento dei bollettini online.

La Provincia di Roma – la più vasta d’Italia, con oltre 4
milioni di abitanti e ben 121 Amministrazioni Comunali – è la
prima pubblica amministrazione italiana a sperimentare questo
innovativo servizio, grazie al quale 30.000 cacciatori, i 32.000
pescatori, nonché 10.000 iscritti al settore della raccolta dei
funghi potranno rinnovare le loro licenza e pagare i relativi
bollettini senza doversi recare fisicamente allo sportello
designato.

Il Portale dei Pagamenti, realizzato da Wizards Consulting Group,
non è solo uno sportello virtuale per il pagamento di bollettini,
ma è anche un contenitore dinamico di notizie (news, blog,
comunicazioni) nonché un mezzo per richiedere ed ottenere in tempo
reale ogni tipologia di certificazione. Sarà sufficiente
effettuare la registrazione al sito della Provincia di Roma
inserendo poche semplici informazioni anagrafiche. Da quel momento
l’utente ha a disposizione e ne può godere liberamente, di
un’area riservata dove sarà in grado di verificare i pagamenti
già effettuati, da effettuare ed eventuali successive
scadenze.

“Con Porta dei Pagamenti abbiamo sviluppato una soluzione che
sfruttando appieno le potenzialità del Web 2.0 – spiega Fulvio
Duse, Ad di Wizards Consulting Group – rende il cittadino
autonomo nella gestione dei pagamenti e contribuisce alla
trasparenza nel rapporto tra i privati e la pubblica
amministrazione. Inoltre effettuando i pagamenti attraverso il
portale, la commissione del bollettino stesso di Poste Italiane
ammonta a 1 euro, anziché 1 euro e 10 centesimi”.