Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE NUOVE REGOLE

Svolta Raee, da oggi via al ritiro “uno contro zero”

Più facile la raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni come tablet e smartphone. Per il 2016 previsto il raggiungimento di una quota di differenziata pari al 45% del peso medio delle apparecchiature immesse sul mercato nei 3 anni precedenti

22 Lug 2016

F.Me

Entra in vigore oggi, venerdì 22 luglio 2016, il Decreto Ministeriale 121, meglio conosciuto come il Decreto “uno contro zero”, relativo al ritiro dei Raee, rifiuti elettrici ed elettronici, di piccolissime dimensioni. Si tratta di smartphone, mp3 player, rasoi elettrici, piccoli tablet, lampadine e moltissimi altri piccoli prodotti elettronici d’uso comune.

La normativa semplifica le procedure applicate al ritiro gratuito, da parte dei distributori, dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (Raee) di piccolissime dimensioni, di provenienza domestica, favorendo l’incremento di questo tipo di raccolta.

In particolare il decreto, in vigore da oggi e pubblicato lo scorso 7 luglio in Gazzetta Ufficiale, contiene le regole del ritiro “uno contro zero” e non può che favorire, e quindi incrementare, il conferimento di questa tipologia di rifiuti da parte degli utilizzatori domestici, ovvero i cittadini e i nuclei familiari.

Gli obiettivi di raccolta fissati dalla normativa per il 2016 prevedono il raggiungimento di una quota di differenziata pari al 45 per cento del peso medio delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) immesse sul mercato nei 3 anni precedenti. Nel 2015 l’Italia ha raggiunto il 30 per cento, ma nonostante la raccolta sia in costante crescita, ancora non basta. Per il raggiungimento di questi risultati un importante contributo potrebbe arrivare proprio dall’effettiva applicazione dell’uno contro zero, che, in pratica, consente al cittadino di consegnare al negoziante l’apparecchio elettrico ed elettronico di piccolissime dimensioni (dimensioni esterne al massimo di 25cm) da buttare, senza avere l’obbligo di acquistare un prodotto equivalente o qualsiasi altro prodotto. L’uno contro zero è valido solo per i Raee di piccolissime dimensioni ed è obbligatorio per un punto vendita solo qualora disponga di una superficie di vendita dedicata alle Aee superiore ai 400mq. Per i negozi più piccoli è una modalità di raccolta facoltativa che si aggiunge all’obbligo dell’uno contro uno (in vigore dal 2010) valido per tutti i Raee e che impone al distributore il ritiro del rifiuto in caso di contestuale acquisto di un prodotto nuovo equivalente.

Fra le novità del decreto “uno contro zero” c’è un’importante semplificazione burocratica per questo tipo di raccolta non è più necessario richiedere e registrare i dati di chi conferisce il rifiuto, snellendo così la procedura per ambo le parti.

In linea con la novità dell’“uno contro zero” Ecolamp, in collaborazione con Fme, Federazione nazionale grossisti distributori di Materiale Elettrico, propone l’innovativo servizio “Rifiuto Senza Pensiero” che, a costo zero per il distributore e per il consumatore, facilita e promuove il ritiro dei piccolissimi Raee nei punti vendita degli associati Fme aderenti all’iniziativa.

Argomenti trattati

Approfondimenti

R
raee

Articolo 1 di 5