Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

“Salveremo noi Eutelia: pronti 200 milioni di euro”

Si propongono De Simone e Rossi, due manager dell’Ict: “Abbiamo alle spalle un fondo pensione”. Intanto la Regione Toscana si dice pronta a partecipare al tavolo di trattativa con governo e parti sociali

30 Giu 2010

Qualcosa si muve intorno ad Eutelia. La società informatica
aretina, in crisi da mesi e commissariata da tribunale di Arezzo,
potrebbe essere acquistata da due manager di spicco del mondo Ict.
Si tratta di Mark De Simone (ex manager Cisco) e Pier Giorgio Rossi
(Selcom), che oggi hanno illustrato il loro progetti di rilancio ai
commissari straordinari e ai sindacati. I due hanno alle spalle un
fondo pensione dalla capacità di spesa e investimento che va dai
60 ai 200 milioni di euro. Prima di illustrare il progetto ai
lavoratori e ai commissari De Simone e Rossi, nei giorni scorsi,
avevano incontrato il sindaco di Arezzo ,Giuseppe Fanfani, e il
presidente della Provincia, Roberto Vasai, per avanzare appunto la
di acquisione della società. 

Intanto oggi la Regione Toscana si dice pronta a partecipare
attivamente ai tavoli negoziali che il govreno vorrà attivare per
il salvataggio della società. Ad annunciarlo  l'assessore
regionale alle Attività produttive ed al Lavoro, Gianfranco
Simoncini, rispondendo ad un'interrogazione presentata dai
consiglieri regionali del Pdl, Stefania Fuscagni e Alberto
Magnolfi, e della Lega Nord Toscana, Antonio Gambetta Vianna.

'La vertenza del gruppo Eutelia ha un valore nazionale e la
Regione Toscana ha seguito fin dagli inizi tutti i
risvolti, interfacciandosi sia con il Ministero dello sviluppo
economico che con la Presidenza del Consiglio dei Ministri. La
Regione -ha precisato Simoncini – è stata impegnata con
continuità su tutta la partita, molto complessa, perche' ha
subito molti passaggi critici, messi in atto dalla proprietà, con
ripercussioni pesanti verso i lavoratori. E come abbiamo fatto
finora continueremo a fare, anche per trovare un nuovo acquirente,
sano e disposto ad investire. Per questo abbiamo avuto anche
recentemente incontri con i commissari nominati dal Tribunale di
Arezzo''.

''Noi siamo favorevoli a mantenere l'unita'
aziendale – ha continuato l'assessore regionale- per evitare
l'arrivo di qualche
imprenditore da rapina, che possa solo lucrare da operazioni di
smembramento della rete cablata dalle attivita' di servizio e
dai
lavoratori''.

''Il prossimo 6 luglio – ha informato Simoncini- avrò un
incontro con i rappresentanti dei lavoratori di Eutelia al fine
di
poter avere un quadro aggiornato della situazione ed assumere le
decisioni conseguenti''.