Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Samsung detronizza Nokia nel mercato italiano

Per la prima volta l’azienda finlandese perde il primato. E la coreana punta alla leadership anche nel mercato dei tablet

22 Feb 2011

Nokia perde lo scettro nel mercato italiano dei cellulari. Nel mese
di dicembre il volume di pezzi venduti è stato sorpassato da
quello dei telefonini Samsung che si appresta in questo modo a
giocare un ruolo da protagonista nel settore. Il prossimo
obiettivo, spiega Carlo Barlocco vicepresidente di Samsung Italia
in un'intervista pubblicata da Milano Finanza, è consolidare
il risultato conquistando la leadership anche per valore dei
prodotti venduti. L'azienda conta di raggiungerlo grazie a una
strategia che mira a offrire "dispositivi per ogni esigenza
come la nuova gamma di smartphone che abbiamo presentato a
Barcellona, conquistando anche il mercato dei tablet".

In particolare Samsung punta alla leadership in tutta la gamma di
terminali Android. Accanto al Galaxy S lanciato sei mesi fa
verranno affiancati altri terminali "indirizzati alle fascia
medio bassa del mercato. Ma l'azienda punta anche al settore
dei tablet per il quale ha presentato, accanto al Tab, un modello
con schermo da 10,1 pollici a cui seguirà un dispositivo con
dimensioni intermedie.

"Abbiamo anche creato un ecosistema che permette agli utenti
di sfruttare al meglio i tablet attraverso quattro hub – dice
Barlocco – che consentono di scaricare contenuti come applicazioni
libri e musica".
Secondo Barlocco il mercato dei tablet esploderà "solo se i
content provider metteranno a disposizione contenuti di
qualità". Non va sottovalutato l'importanza "del
settore business" per i tablet che saranno sempre più
"usati come strumenti di lavoro". Il fattore prezzo
"in questo caso pasa in secondo piano rispetto a
caratteristiche come la sicurezza e l'affidabilità di
funzionamento all'interno delle reti aziendali".