Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sia-Ssb sbarca in Polonia e “corre” verso la Russia

Sono oltre 5 milioni le carte di pagamento attualmente gestite dal gruppo su un totale di circa 32 milioni in circolazione nel paese. La nuova rappresentanza di Varsavia consentirà di incrementare il business anche in Russia, Ucraina e nei paesi baltici

08 Feb 2010

Sia-Ssb apre una nuova sede in Polonia e prosegue la sua strategia
di internazionalizzazione del verso l’Europa Centro Orientale. La
rappresentanza polacca del gruppo, che fornisce servizi e soluzioni
nei sistemi di pagamento, va ad aggiungersi agli uffici già
esistenti in Romania, a Bucarest, ed in Ungheria, a Budapest, dove
ha sede anche la controllata Gbc, attiva nel settore del
processing  delle carte di credito e debito. Il nuovo  ufficio,
situato presso il Warsaw Financial center di Varsavia, consentirà
a Sia-Ssb di perseguire ulteriori opportunità di business anche
nei mercati limitrofi, come ad esempio quello russo, ucraino e
dell’area baltica.

Il rafforzamento della presenza di Sia-Ssb in Polonia nasce
dall’esigenza di consolidare il presidio del mercato locale, dove
il gruppo è già attivo da tempo: sono infatti oltre 5 milioni le
carte di pagamento attualmente gestite per conto di diverse
istituzioni finanziarie polacche di primaria importanza, tra cui
Bank Pekao Sa (Unicredit Group) e Kredyt Bank SA (Kbc Group), per
un volume complessivo di circa 220 milioni di transazioni
l’anno.

Nonostante la crisi finanziaria e la generale contrazione dei
consumi, il mercato delle carte di pagamento in Polonia ha
registrato una crescita stabile e positiva: 32.5 milioni il numero
totale delle carte, nei primi nove mesi del 2009, (con un aumento
dell’11,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente)
su una popolazione complessiva di 38 milioni di abitanti. Nel
dettaglio, l’incremento ha interessato sia le carte di debito sia
quelle di credito dove si sono registrati tassi di crescita
rispettivamente del 9,1% e del 17,3%.