Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smart grid, in Cina investimenti a +30%

Pechino diventa un volano economico per i fornitori europei di software e hardware. Il mercato raggiungerà quota 61 miliardi di dollari nel 2015

20 Gen 2011

Il mercato cinese delle Smart Grid, le reti elettriche
intelligenti, è previsto in crescita impetuosa nei prossimi anni,
passando dai 17,1 miliardi di dollari fatturati nel 2010 a circa
61,4 miliardi di dollari nel 2015, con un tasso di crescita medio
annuo di oltre il 29%.

In particolare, il segmento rappresentato dal software e
dall'hardware di questo mercato passerà dai 4 miliardi di
dollari del 2010 ai 13 miliardi di dollari del 2015, con un tasso
medio di crescita annuale del 26,4%, mentre il comparto relativo ai
componenti di trasmissione e distribuzione dell'energia
manifesterà una crescita ancora più veloce, portandosi da 4,5 a
21,2 miliardi di dollari.

La previsione è stata formulata dalla società di ricerca Zpryme
nell'ambito di un'analisi in cui si rileva come la Cina
abbia già raggiunto nel 2010 il primo posto nel mondo per entità
degli investimenti nel settore delle fonti rinnovabili.

Una posizione che – secondo Zpryme – sarà saldamente mantenuta
almeno per i prossimi cinque anni, cosa che crea condizioni
particolarmente favorevoli allo sviluppo delle "reti
intelligenti" (Smart Grid).

Del nuovo grande mercato beneficeranno le società occidentali
detentrici delle migliori tecnologie, ma è prevista una notevole
espansione anche delle imprese cinesi, che saranno presto in grado
di competere a livello globale, poiché stanno velocemente
recuperando il gap tecnologico e sono in grado di fornire impianti
e servizi a prezzi inferiori.