Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Software pirata, Mosca indaga su Lg

Nel mirino degli inquirenti 60 collaboratori della società sospettati di aver impiegato programmi contraffatti

02 Set 2010

Lg Electronics nel mirino della polizia russa. Il colosso
dell’elettronica sudcoreano è finito al centro di un’inchiesta
per il presunto utilizzo di software pirata. "E' la prima
volta che un'indagine penale per l'utilizzo di software
pirata viene aperta nei confronti di una grande compagnia straniera
– spiega il ministero degli Interni -. In base alle perquisizioni
è stato stabilito che 60 collaboratori della società utilizzavano
per la loro attività commerciale software pirata".

Gli inquirenti hanno sequestrato oltre 60 computer e stimato le
perdite legate all'utilizzo illecito del software in 2 milioni
di rubli (51mila euro). Lg ha respinto ogni accusa affermando che
"tutti i software utilizzati dalle società sono
omologati".

La contraffazione dei software è un problema molto diffuso in
Russia, i falsi sono infatti facilmente reperibili a prezzi
modesti. Lo scorso anno Microsoft ha stimato in oltre un miliardo
di dollari l'anno le sue perdite legate all'utilizzo di
software pirata, motivo per cui i timori statunitensi in tema di
proprietà intellettuale pesano sui negoziati tra Mosca e
Washington sull'adesione della Russia al Wto.