Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tecnologie smart, risparmi per mille miliardi di dollari

porta la firma dell’associazione Technology Ceo Council “Un trilione di motivi”, la proposta al governo Usa per una crescita attraverso l’innovazione. Tra le raccomandazioni data center verdi e analytics anti-frode

07 Ott 2010

Il governo americano può risparmiare 1000 miliardi di dollari nei
prossimi dieci anni usando le tecnologie in modo più intelligente.
Nel contempo migliorerà i servizi che offre ai cittadini e porrà
le basi per la futura crescita dell’occupazione e lo sviluppo
dell’innovazione. Lo afferma il progetto presentato a Washington
dai chief executive di Ibm, Intel, Emc, Micron, Motorola, e Applied
Materials come membri del gruppo Technology Ceo Council.

I Ceo hanno illustrato le proprie raccomandazioni alla Casa Bianca
alla presenza dei massimi rappresentanti del dipartimento
dell’Economia e della Federal Reserve. L’associazione
Technology Ceo Council, fondata nel 1989, è nota per avere negli
anni fornito pareri e stimoli essenziali all’implementazione di
importanti progetti per l’intera industria tecnologica.

Per esempio, i Ceo dell’hitech hanno fatto azione di lobby per
ottenere più finanziamenti per i centri di supercalcolo,
promuovere l’uso commerciale di Internet e alleggerire i
controlli sulle esportazioni di computer e di software di cifratura
e sono stati paladini degli incentivi statali alle cartelle
cliniche elettroniche.

Le nuove raccomandazioni del Council, contenute nel report "Un
trilione di motivi”, sono tutte incentrate a rendere
l’amministrazione pubblica più efficiente, un contributo
essenziale alla riduzione del pesante deficit del Paese. Tra i
consigli: consolidamento dei data center e realizzazione di server
farm più “verdi”, semplificazione dei processi di
approvvigionamento e l’impiego di software di analytics per
scovare illeciti e sprechi nei programmi di finanziamento federali.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link