Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Telecom Italia, il Cda dà il via alla scissione di Matrix

Il ramo d’azienda “Market & Technolgy Captive” della controllata IT passa sotto l’ombrello dell’operatore. Ok anche all’aumento di capitale per l’azionariato diffuso dei dipendenti

08 Lug 2011

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia ha deliberato la
scissione parziale di Matrix – società controllata al 100% – con
trasferimento del ramo d’azienda “Market & Technology
Captive” alla beneficiaria TI, concludendo l’iter approvativo
avviato il 5 maggio 2011 e già comunicato al mercato lo scorso 6
maggio. Il processo di scissione si dovrebbe concludere entro il
terzo trimestre.
Il Cda ha inoltre deciso l’emissione gratuita fino a un massimo
di 8.915.442 azioni ordinarie, in forza di apposita delega, a
servizio della seconda fase del piano di azionariato diffuso per i
dipendenti approvato dall’assemblea del 29 aprile 2010.

Ai dipendenti che lo scorso anno abbiano aderito all’offerta di
sottoscrizione a pagamento e abbiano conservato le azioni
sottoscritte fino al 29 luglio 2011, subordinatamente al
mantenimento del rapporto di lavoro con società del Gruppo, sarà
assegnata n. 1 azione gratuita ogni n. 3 azioni sottoscritte a
pagamento.

È stato infine deliberato l’avvio del piano di attribuzione di
strumenti finanziari denominato “Long Term Incentive Plan
2011”, approvato dall’assemblea degli azionisti il 12 aprile
2011. Il Piano consiste in un’iniziativa d’incentivazione di
lungo termine nei confronti del Vertice Esecutivo, del Top
Management e di una parte selezionata della dirigenza, rispetto al
conseguimento di obiettivi di performance predefiniti, correlati
all’arco di piano 2011-2013, identici per le tre categorie di
beneficiari.