Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TRIPWIRE. L’intelligenza artificiale dei giudici

08 Lug 2010

Monsieur, “rivista dell’uomo extra vagante”, sorprende con
“La fine dei giudici” di Gabriele Rossi, esperto
d’intelligenza artificiale, che annuncia: prolungamento della
vita, nuove regole di convivenza e “fine alla discrezionalità
dell’attuale sistema giuridico”, a condizione che la Legge,
individuati i principi, li gerarchizzi. Questo obiettivo è
conseguibile con la conoscenza della “matematica della mente”,
traguardo a portata di mano entro il 2020. Rossi ci promette nei
prossimi mesi ulteriori ragguagli. La cosa ci intriga e lo terremo
d’occhio.

Nel frattempo due considerazioni. Le nanotecnologie e
l’evoluzione del Gps sono vocate a gerarchizzare senza limiti
geografici accesso/esclusione in funzione della gerarchia sociale.
La Ztl in centro città e le sue multe salatissime sono un preludio
minimale del prossimo scenario globale. Da qui ad automatizzare
punizione/premio sociale come accesso/esclusione, il passo sarà
breve. Il carcere sarà costituito da barriere invalicabili senza
il consenso del chip. Questo tuttavia non è “giurisdizione”
bensì la “pena”. La giurisdizione automatica esige un giudice
artificiale perfetto, per rendere superflui gli ondivaghi giudici
umani, dice Rossi. Un giudice perfetto è intelligente mentre il
suo opposto è stupido?

Geni come Einstein o Leonardo Da Vinci non hanno mai commesso
stupidità? Ci pare appropriato richiamare l’Autore allo studio,
d’un modello attendibile di “stupidità artificiale”. La
stupidità onnipresente, non meno dell’intelligenza, è ardua da
riprodurre. La stupidità prova l’esistenza di Dio, affermava
Napoleone, che stupido non era.