Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Uno standard per far diventare la casa più “smart”

L’International Telecomunnication Union ha aprovato il “G.hn” che permetterà di fornire nuovi servizi, come la Tv HD e l’Iptv, nonché idi collegare in rete gli apparecchi per l’intrattenimento domestico

20 Ott 2009

La strada è aperta verso la nuova era della “smart home”, la
casa intelligente dove sistemi e applicazioni sono collegati in una
stessa rete e dialogano tra loro. L’Itu (International
Teleommunication Union) ha approvato infatti uno standard di ultima
generazione chiamato "G.hn", una specifica tecnica che ha
messo d’accordo i vari settori industriali coinvolti a livello
internazionale. Lo standard permetterà ai service provider di
fornire nuovi servizi come la tv in alta definizione (Hdtv) e la tv
digitale su Internet Protocol (Iptv) a costi più convenienti. Ai
produttori di elettronica di consumo consentirà di collegare in
rete senza soluzione di continuità tutti gli apparecchi per
l’intrattenimento domestico, la domotica e la sicurezza tra le
pareti di casa – e anche i processi di acquisto e installazione per
i consumatori finali saranno semplificati. Ancora: l’approvazione
del nuovo standard permetterà ai produttori di apparecchi per la
networked home (come set-top boxes, gateway residenziali, computer,
sistemi audio, lettori Dvd, che possono essere connessi in un unico
network) di spingere l’acceleratore sui loro programmi di ricerca
e sviluppo e portare rapidamente sul mercato nuovi prodotti. Gli
esperti prevedono che i primi chipset per il G.hn saranno
disponibili già a inizio 2010.

"Il G.hn è una tecnologia che ci permette di aprire nuovi usi
per il cablaggio che la maggior parte delle persone ha già a casa.
L’enorme varietà di applicazioni che renderà possibile include
apparecchi più efficienti dal punto di vista energetico o device
per la domotica e la telemedicina", afferma Malcolm Johnson,
direttore del Telecommunication Standardization Bureau dell’Itu.
"E’ uno standard che ha un potenziale straordinario di
trasformare l’home networking e l’industria lo sa: per questo
ha dato il suo appoggio a questa innovazione”. I device che
supporteranno il G.hn potranno trasportare contenuti multimediali
ricchi (audio, video, testi) su banda larga a velocità che
arrivano a 1 Gbit/s sia su cavo coassiale che sulle linee
elettriche e telefoniche standard. Il throughput (la capacità di
trasmissione effettivamente utilizzata) sarà molto più alto delle
esistenti tecnologie sia wired che wireless.

Il layer fisico e l’architettura sono già stati approvati
dall’Itu-T Study Group 15, mentre il data link layer dovrebbe
ottenere il sì finale al prossimo meeting del gruppo, a maggio
2010. Intanto, l’Home Grid Forum, gruppo creato per promuovere il
G.hn, sta sviluppando un programma di certificazione insieme al
Broadband Forum che aiuterà i produttori di semiconduttori e
sistemi a realizzare e portare sul mercato prodotti pienamente
conformi al nuovo standard, che porteranno il logo “HomeGrid”.
Il recente incontro dell’Itu-T Study Group 15 ha considerato
anche un nuovo standard, chiamato G.9972, per garantire la
coesistenza tra i prodotti basati su G.hn e quelli che usano altre
tecnologie; in più, gli esperti hanno annunciato lo sviluppo di
nuove estensioni al G.hn per supportare le applicazioni SmartGrid.