Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Var Group scommette sull’AI anti-frode, acquisito il 40% di Kleis

La mossa mira ad integrare le soluzioni basate sull’intelligenza artificiale nella digital security. Più protette le attività di online banking

05 Set 2018

Var Group spinge sull’AI. La società acquisisce il 40% di Kleis, società specializzata in Intelligenza Artificiale e Machine Learning, operante nel settore bancario e nelle aree legate all’e-commerce e all’antifrode telematica. Grazie a questo accordo, Var Group punta a posizionarsi ancora di più come partner strategico per l’evoluzione sicura dei digital payments in Italia, un ambito che registrerà tassi di crescita sempre più importanti.

L’investimento in competenze e tecnologie di Kleis permetterà a Var Group di aggiungere alla propria Divisione Digital Security un’ulteriore expertise in sicurezza logica.

“Insieme a Kleis – dichiara Francesca Moriani, Amministratore Delegato di Var Group – puntiamo a intercettare pienamente i cambiamenti in atto nel settore bancario e dei servizi finanziari, in particolare, portando le competenze di Kleis negli ecosistemi di sicurezza che esigono standard sempre più elevati di cybersecurity: dai servizi anti-frode evoluti ai sistemi di identificazione e autenticazione più sofisticati. Kleis ha consolidato un’offerta unica che, col nostro supporto, potrà arricchirsi supportando la crescita del business”.

Attraverso Yarix, la Divisione Digital Security di Var Group, e il suo Security Operation Center, gli aspetti della sicurezza vengono unificati. Grazie all’integrazione di Cyber Intelligence, AI e Machine Learning, implementate in modo olistico, il SOC offre una visione complessiva e predittiva delle minacce, intercettando e gestendo efficacemente ogni segnale al fine di bloccare con tempestività qualsiasi tipo di attacco.

In uno scenario in cui l’utilizzo di metodi tradizionali per contrastare le frodi non è più efficace, l’utilizzo delle reti neurali e del Machine Learning permette di prendere decisioni in tempo reale, ottimizzando il calcolo, minimizzando i falsi positivi e gestendo gli errori di valutazione. L’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale ha ridefinito strategie e strumenti per la prevenzione delle frodi informatiche, permettendo di analizzare volumi massicci di dati, limitare l’impatto in caso di cyber attacchi e violazioni, anticipare minacce e modelli d’attacco in evoluzione – solo per dare alcuni esempi dei principali campi di applicazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
intelligenza artificiale
K
kleis
V
var group

Articolo 1 di 5