Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Via al servizio di firma digitale

10 Giu 2010

La firma digitale diventa una realtà che Intesa Sanpaolo offre
gratuitamente ai suoi 3 milioni di clienti titolari del contratto
di Internet Banking. Il cliente potrà acquistare carte di
pagamento e sottoscrivere prestiti personali e polizze assicurative
direttamente dal sito web della banca, risparmiando tempo ed
eliminando la documentazione cartacea. Già oggi è disponibile
SuperFlash, la carta prepagata di ultima generazione. Si riceve
direttamente a casa per posta e si attiva al telefono. Può essere
usata presso Atm (Bancomat), Pos e siti di commercio
elettronico.

Intesa Sanpaolo è la prima banca italiana ad offrire un servizio
di firma digitale che non richiede alcuna installazione software
sul computer del cliente e nemmeno un supporto elettronico esterno
(smart card o chiavetta Usb). E’ infatti la banca a farsi carico
dell’archiviazione informatica e della protezione della firma
digitale, che diventa così facile da usare e molto più
sicura.
O-KeyPiù – questo il nome della firma digitale messa a punto da
Intesa Sanpaolo – si attiva in modo semplice dal sito della banca
e si basa sull’inserimento di un doppio codice. Ha il medesimo
valore legale della firma autografa.

“La firma digitale – spiega Antonio Braghò, responsabile per i
Canali Diretti in Banca dei Territori – rappresenta un vero punto
di svolta, perché consente di firmare contratti online ed apre le
porte all’acquisto dei prodotti bancari e assicurativi via web.
L’utente viene guidato passo a passo nell’attivazione, inoltre
può contare sull’assistenza del Contact Centre. L’obiettivo è
far si che il cliente si senta pienamente a suo agio quando opera a
distanza ”.

Quasi la metà dei 3 milioni di clienti online di Intesa Sanpaolo
compie operazioni tramite Internet almeno una volta al mese. Il 55%
dei bonifici e il 75% delle compravendite titoli effettuate dalla
clientela privati della banca avviene attraverso questo canale, il
cui utilizzo è ormai uniformemente diffuso in ogni fascia
d’età. Sta crescendo rapidamente anche il numero di donne (40%)
che ne fanno uso. L’indagine Eurisko Multifinanziaria svolta a
fine 2009 rileva un gradimento dei canali diretti di Intesa
Sanpaolo da parte della clientela significativamente superiore alla
media del settore.