Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Videosorveglianza e Ict: Milano e Torino le prime stazioni hi-tech

Sedici milioni di euro per l’installazione di 300 nuovi dispositivi a circuito chiuso, videwall e sistemi di comunicazione integrata. E’ il primo tassello del progetto Fs, da 44 milioni, che prevede la messa in sicurezza delle principali stazioni ferroviarie. Il ministro Maroni: “Modello di assoluta eccellenza in Europa”

11 Ott 2010

Standard di sicurezza più elevati alle stazioni di Milano Centrale
e Torino Porta Nuova. Grazie a nuovi sistemi di videosorveglianza
integrata collegati alle nuove sale operative attrezzate con
videowall, impianti per la registrazione digitale delle immagini e
centralini telefonici di ultima generazione sarà possibile
monitorare istante per istante tutti gli ambienti delle stazioni e
controllare i flussi di viaggiatori e visitatori.

I lavori, durati circa 40 mesi, hanno portato all'installazione
nelle due stazioni di oltre 300 nuove telecamere a circuito chiuso
per un investimento di 16 milioni di euro (nello specifico 4,7 a
Torino e 11,4 a Milano).
Ma questo è solo un tassello del più ampio progetto
"Videosorveglianza Integrata" che coinvolgerà le
maggiori stazioni ferroviarie del Paese grazie a un investimento
totale di 44 milioni di euro già finanziati dal Cipe.
“Questo sistema di controllo – ha commentato il ministro
dell'Interno, Roberto Maroni, presentando il nuovo servizio a
Milano – è il sistema più efficace per garantire la sicurezza
perché rappresenta un modello di assoluta eccellenza con pochi
eguali in Europa”.
L'obiettivo di lungo termine ha puntualizzato Maroni “è
creare una centrale operativa che metta tutta la città in
sicurezza attraverso il coordinamento di tutti i sistemi di
sorveglianza pubblici e privati presenti sul territorio”.

D'accordo il numero uno di Fs, Mauro Moretti. “Il nuovo
servizio di sicurezza garantisce un controllo sistemico del flusso
di persone ma sempre nel rispetto della privacy – ha detto
Moretti -. E le nostre stazioni diventeranno uno dei posti piu'
sicuri che si possono trovare in città.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link