Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Amazon e Apple accendono la guerra alla broadband tv

Negli Usa le Internet company puntano all’accaparramento di film e programmi tv da distribuire su pc e terminali mobili. E parte la caccia all’accordo con le major

01 Set 2010

Sarà un settembre caldo per la guerra sulla tv del futuro, che
vede scendere massicciamente in campo le Web company sul terreno
tradizionalmente occupato dai provider di contenuti via cavo e
satellite. Scontro che si preannuncia durissimo negli Stati Uniti
dove accendono la miccia due giganti, Apple e Amazon, tutt’e due
alle prese con il corteggiamento selvaggio delle major del cinema –
da Nbc a Time Warner, da News Corp a Viacom – e ciascuna di loro
per differenti motivi. Apple punta a un’offerta di distribuzione
via iTunes di contenuti targati Fox (News Corp) e Abc (Disney),
mentre Amazon sta cominciando a mettere in piedi un nuovo servizio
di abbonamento.

Secondo il Wall Street Journal Amazon è in trattativa con le
maggiori società produttrici di entertainment per un servizio
simile a quello già offerto da Netflix che, oltre al servizio di
spedizione postale di dvd, permette ai clienti di consumare in
streaming film e programmi tv. I contenuti saranno accessibili sia
da browser, sia da terminali tv connessi al Web, da player Blu-ray
e dalle console di Microsoft.

Ma Apple potrebbe avere un asso nella manica in più: la stessa
Netflix. Secondo Bloomberg la società della Mela è pronta per
l’annuncio di un nuovo decoder che includerà, per i
sottoscrittori di Netflix, anche l’accesso al proprio archivio in
modalità “watch instantly”. Netflix, che già conta su proprie
apps per iPad, iPhone e iPod touch, ha firmato un contratto
quinquennale da 900 milioni di dollari con Paramount, Lions Gate e
Mgm per i diritti online di oltre 3mila titoli.

Si tratta però di evoluzioni complicate. Le media company sono
riluttanti a vendere a basso prezzo i loro contenuti più pregiati,
e pur tentando di non rimanere indietro nella folle fusione tra
Internet e la televisione, temono di veder un abbattimento degli
abbonamenti via cavo e satellite.