Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Appalti, annunciato lo sciopero dei dipendenti Sky Italia

Indetto un pacchetto di 12 ore di astensione dal lavoro con la rottura dei tavoli sindacati-azienda. La Slc-Cgil: “L’azienda conferma la volontà di ampliare la quota di lavoro dato in esterno, minando l’attuale assetto societario e produttivo”

03 Mag 2011

Stipendi, outsourcing, sedi, delocalizzazione. Sono questi i temi
caldi su cui si è rotto il tavolo sindacati-Sky Italia. Per questo
motivo, scrive la Slc-Cgil in una nota unitaria con Fistel/Cisl e
Uilcom/Uil., si è deciso di indire un pacchetto di 12 ore di
sciopero, le cui modalità saranno decise nei prossimi giorni.

“Lo sciopero è ormai necessario a causa delle decisioni
dell’azienda in tema di politiche retributive, outsourcing,
delocalizzazioni e sedi – proseguono i sindacati: Sky ha confermato
la volontà di ampliare la quota di lavoro dato in esterno, minando
considerevolmente l’attuale assetto societario e produttivo, non
dando certezza alcuna circa il mantenimento delle attuali sedi e
relative posizioni di lavoro ed alimentando il dumping tra
lavoratori.”

“Inoltre il Coordinamento Nazionale respinge totalmente
l’impostazione aziendale di assorbire per l’ennesima volta i
super minimi ai lavoratori, vanificando così quanto ottenuto dal
recente rinnovo del CCNL. Non è possibile condivisibile l’idea
di confondere la difesa del potere d’acquisto dei salari con una
politica premiante, basata su un sistema meritocratico stabilito
unitariamente dall’azienda.”

“Le parole d’ordine dello sciopero – conclude la nota-
saranno pertanto rispetto del CCNL nazionale, il ripensamento
dell’attuale politica su appalti e outsourcing e la dovuta
trasparenza circa la conferma delle sedi e sulle prospettive di
sviluppo.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link