Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANNUNCIO

Assange lascia la guida di WikiLeaks, Hrafnsson nuovo editor in chief

Il successore è il giornalista investigativo islandese, già portavoce del sito. La decisione resa inevitabile dalla lunga permanza del fondatore nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra dove vive rifugiato da 6 anni, senza possibilità di accesso a Internet e di contatti telefonici

27 Set 2018

Julian Assange lascia, almeno per ora, la carica di direttore (editor in chief) di WikiLeaks. La decisione – resa inevitabile dalla condizione attuale dell’attivista australiano, privato da mesi di connessione internet e di ogni possibilità di contatti telefonici o personali con figure esterne nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra in cui vive rifugiato da oltre 6 anni – è stata formalizzata nelle scorse in un comunicato dell’organizzazione, che denuncia ancora una volta come inaccettabile quella che considera ormai una sorta di “detenzione arbitraria”.

A scegliere il successore è stato Assange medesimo che ha indicato il giornalista investigativo islandese Kristinn Hrafnsson, suo strettissimo collaboratore e già portavoce di Wikileaks. “Io condanno il trattamento inflitto a Julian Assange che ha portato alla mia nomina”, ha commentato Hrafnsson, impegnandosi peraltro ad assicurare “la continuità del lavoro di Wikileaks nel rispetto dei suoi ideali”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

J
julian assange
W
wikileaks