Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cervelli in fuga verso Facebook. Google licenzia la “gola profonda”

Licenziamento al volo per il dipendente responsabile della fuga di notizie. BigG sta mettendo a punto strategie aziendali per arginare l’emorragia di dipendenti

11 Nov 2010

Google alzerà del 10% lo stipendio di tutti i dipendenti. La
notizia è vera, ma Mountain View non ha perdonato e ha licenziato
il dipendente che ha passato a Business Insider e a Fortune il memo
interno in cui l'amministratore delegato Eric Schmidt
annunciava ai dipendenti l'aumento. La notizia è poi
rimbalzata su tutti i media americani ed è stata confermata dallo
stesso Schmidt, ma Google non ha comunque gradito l'iniziativa
e ha preferito stroncare subito la voglia di altri dipendenti di
seguire le sue orme facendosi "sfuggire" notizie
riservate. Massimo riserbo sul nome del dipendente e no comment
della società sulla vicenda: "non rilasciamo commenti sulle
questioni che riguardano il personale" – ha detto un
portavoce. Secondo Cnn Money il dipendente è stato informato
"entro poche ore dall'accaduto" del
licenziamento.

La notizia, riportata anche dal Wall Street Journal, riguarda
l'emigrazione da parte dei cervelli di Google verso verso
Facebook e Big corre ai ripari. Proprio per arginarla il motore di
ricerca ha deciso di alzare gli stipendi del 10% a tutti e 23mila
lavoratori sparsi per il mondo, senza distinzioni di livello.
“Vogliamo essere sicuri che percepiate di essere ricompensati per
il duro lavoro – ha spiegato il ceo di Mountain View Eric
Schmidt,a nnunciando l'iniziativa ai dipendenti-. Vogliamo
continuare a lavorare con la gente migliore in Google”.

Diversi sviluppatori e ingegneri, tra cui spiccano i nomi di David
Fosher, Sheryl Sandberg, Elliot Schrage, Bret Taylor (uno dei
creatori di Google Mpas) e Gokul Rajaram (padre della piattaforma
pubblicitaria AdSenes che era andato via per fondare una start up e
poi è stato cooptato in Fb per 10 milioni di euro) sono infatti
passati dal motore di ricerca al social network di Zuckerberg,
attirati da una realtà in forte crescita e ottimi guadagni.
Secondo LinkedIn sono oltre 254 i professionisti passati al social
network, pari a circa il 10% della forza lavoro.