Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Economia digitale, Sarko battezza un organismo ad hoc

Il Consiglio nazionale del digitale si occuperà di facilitare il dialogo tra il mercato e le autorità. Tra i membri spiccano top manager di France Telecom, Sfr e Bouygues. Il prossimo 24 maggio il presidente francese darà il via al G8 di Internet

27 Apr 2011

Una commissione per il digitale. Il presidente francese, Nicolas
Sarkozy ha lanciato ufficialmente il Consiglio nazionale del
digitale (Cnn), composto da 18 membri, il cui obiettivo è
migliorare il dialogo tra il settore delle nuove tecnologie di
internet e le autorità transalpine. Il Cnn si è riunito oggi per
la prima volta in modo ufficiale con lo scopo di elaborare un
programma di lavoro.

“Ho voluto riunire nel Cnn diverse personalità competenti del
web francese, in maggioranza imprenditori, affinché su ogni
progetto legislativo o normativo che possa avere un impatto
sull'economia digitale, il governo possa avere un parere da
parte del settore”, ha spiegato Sarkozy, che oggi all'Eliseo
ha dato il via al nuovo organismo davanti a centinaia di
invitati.

Il Cnn sarà “libero” di portare all'attenzione delle
autorità i temi che preoccupano il settore dell'economia
digitale, raccogliendo il parere di associazioni o parlamentari.
Tra i suoi membri, l'organismo vede importanti rappresentanti
degli operatori telefonici, come Frank Esser (Sfr), Pierre Louette
(France Telecom) o Emmanuel Forrest (Bouygues), ma anche del mondo
dell'informatica e della pubblicità.

Il battesimo del nuovo organismo avviene a qualche settimana
dall’avvio – il prossimo 24 e 25 maggio a Parigi – del G8 di
Interne che sempre il presidente francese ha voluto per discutere
di molti dei temi che riguardano la Rete e che ormai occupano
l'agenda politica dei governi. Al vertice sono stati invitati i
responsabili più grandi gruppi mondiali tra cui saranno Eric
Schmidt (Google), Jimmy Wales (Wikipedia), Jack Ma (Alibaba), Bill
Gates, Jeff Bezos (Amazon), Mark Zuckerberg (Facebook).
Parteciperanno ovviamente anche i rappresentati delle società
francesi, come Xavier Niel (Iliad Free), Jacques-Antoine Granjon
(Vente-privée), Marc Simoncini (Meetic). Sarkozy, che
quest'anno ha la presidenza di turno del G8 e del G20, intende
discutere temi come il diritto d'autore e il finanziamento del
settore culturale, la protezione della privacy, il cloud computing,
la sicurezza del web.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link