Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Editoria, Google sfida Apple con “One Pass”

Meno vincoli e più revenues per i protagonisti dell’informazione che dovranno cedere al motore il 10% degli introiti contro il 30% preteso dalla Mela. E per contrastare Microsoft prova a convincere Nokia ad adottare Android

17 Feb 2011

L’abbonamento a giornali e riviste di Apple per iPhone e iPad
comporta troppi vincoli per gli editori? Ci pensa Google con un
prodotto concorrente che, neanche a dirlo, costa meno. Il guanto di
sfida prontamente lanciato si chiama One Pass, servizio di
pagamento per i contenuti digitali che chiede agli editori solo il
10% delle revenes degli abbonamenti.

Eric Schmidt, il chief executive uscente di Google, ha presentato
One Pass definendolo “un punto unico di pagamento per i contenuti
su molteplici siti web e applicazioni mobili”. I partner al
momento sono tutti gli editori di giornali, ma Schmidt ha detto che
il servizio potrebbe essere utilizzato anche per contenuti musicali
o video.

Gli approcci contrastanti di Apple e Google sul pagamento dei
contenuti vanno al cuore della rivalità, sempre più netta, tra le
due aziende: da un lato la piattaforma chiusa e strettamente
controllata di Apple che si appoggia pesantemente sulle
applicazioni, dall'altro la filosofia "aperta" di
Google che tenta di sfruttare device mobili e Internet, spiega il
Financial Times in un commento pubblicato oggi.

Come indicato ieri dal Corriere delle comunicazioni, gli editori di
giornali e riviste, ma anche di musica e video, non sono molto
entusiasti delle condizioni imposte da Apple e in particolare della
quota del 30% che Cupertino esige dagli abbonamenti. Google ha
saputo proporre un’offerta più appetibile, esigendo un revenue
share del 10%. Inoltre, a differenza di Apple, Mountain View darà
agli editori i nomi e gli indirizzi e-mail dei loro clienti e anche
altre informazioni, se i clienti danno il consenso. “One Pass è
un servizio molto publisher-friendly”, ha detto Schmidt.
“Praticamente noi non ci guadagnamo niente”.

“La nuova piattaforma di pagamento di Google consente agli
editori di avere il pieno controllo sui loro contenuti, il prezzo,
le vendite e il rapporto con i clienti a interessanti condizioni
commerciali", dichiara Andreas Wiele, responsabile della
divisione riviste di Axel Springer. Rupert Murdoch, presidente di
News Corp, ha in passato accusato Google per le difficoltà di
monetizzazione dei contenuti online. Ma diversi editori europei,
tra cui Axel Springer in Germania, Associated Newspapers di Dmgt
nel Regno Unito e Prisa in Spagna, hanno già firmato per
l'utilizzo di One Pass.

E’ ovvio che nessun editore vuole farsi sfuggire la presenza su
iPhone e iPad, ma anche i device con Android sono in forte crescita
e Google ha tutta l'intenzione di espandersi ancora.
Un'alleanza con Nokia sarebbe gradita, Schmidt non ne ha fatto
mistero in un intervento al Mobile World Congress di Barcellona:
il Ceo ha dichiarato che Google sarebbe felice di fornire a Nokia
il suo sistema operativo per smartphone e, nonostante l’accordo
del produttore finlandese con Microsoft, resta aperta alla
possibilità di collaborare con Nokia in futuro.

Quanto alla strategia di Google legata al suo sistema operativo
(alcuni criticano la frammentazione della piattaforma Android per
cui a volte applicazioni sviluppate per un device non funzionano su
un altro), Schmidt ha ammesso che il problema esiste, ma ha fatto
presente che l’azienda sta ovviando con una clausola
“anti-frammentazione” per i vendor. L’arrivo di Html 5,
inoltre, dovrebbe aiutare. Google ha anche intenzione di fondere la
versione Gingerbread di Android per smartphone con il sistema
operativo Honeycomb per tablet nel giro di sei mesi.

A Barcellona Schmidt ha parlato molto del futuro dell’industria
mobile, che per Google sarà sempre più dominato dagli smartphone
e dai servizi basati sul contesto e la localizzazione e dagli
strumenti di ricerca più personali, ma sempre nel rispetto della
privacy, ha garantito il Ceo. Presto gli smartphone “saranno in
grado di monitorare la nostra salute, mandarci avvisi sui saldi
vicino casa e fare cose che oggi nemmeno immaginiamo", ha
affermato Schmidt. In un mondo dove altri due miliardi di persone
saranno connesse con un telefono cellulare, prevede il numero uno
di Google, "in un anno o due, con i telefoni che molti di voi
già hanno e i tablet non dimenticheremo più nulla. Ricorderemo
tutti gli hotel in cui siamo stati, le foto che abbiamo scattato e
gli amici che abbiamo incontratio, perché la memoria dei computer
dura per sempre".

I rapidi avanzamenti nella potenza dei telefoni cellulari e dei
loro processori significa che device come il Nexus Google S saranno
sempre meno costosi e più diffusi nel giro dei prossimi anni, ha
continuato Schmidt. Oggi chi scrive software pensa prima ai
cellulari che ai Pc, perché gli smartphone in grado di collegarsi
a Internet hanno cominciato a superare i computer in termini di
vendite nell'ultimo trimestre del 2010 "e i Pc non
recupereranno terreno”, secondo il Ceo. “Le più grandi
opportunità sono negli smartphone, che, con il vostro consenso,
potranno conoscere i vostri gusti e avvisarvi di ciò che può
piacervi ed essere di vostro interesse”.

La rapida ascesa dei social network, e in particolare di Facebook,
non preoccupa Google: la rivale numero uno resta Microsoft.
"La pubblicità su Facebook non sta influendo sulla
pubblicità sui nostri siti in alcun modo", ha detto Schmidt.
"Facebook ha un business diverso da quello di Google.
Microsoft è il vero concorrente e lo rimarrà per molto
tempo". Ma, se il futuro è degli smartphone e non dei Pc,
sicuramente Google pensa di essere già in pole position.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link