Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Geo, arriva da Los Alamos la wikipedia dell’energia

Un progetto ideato da Rajan Gupta, ricercatore dei Laboratori di Los Alamos (Usa) che si è ispirato a Wikipedia facendosi sostenere da una squadra di studenti

30 Lug 2009

Si chiama Geo, Osservatorio Globale dell'Energia, ed è una
grande banca dati online dove basta collegarsi per consultare le
informazioni relative a tutti gli impianti di produzione di energia
del mondo, le emissioni, le reti di trasmissione, le risorse e,
infine, il modo in cui tale energia viene utilizzata. Il progetto
è nato da un'idea di Rajan Gupta, ricercatore dei Laboratori
di Los Alamos (Usa) che ispirandosi a Wikipedia e sostenuto da una
squadra di studenti, ha creato con Geo una piattaforma per
condividere e analizzare le informazioni che verranno inserite
dagli utenti stessi.

"È fondamentale che un database concepito in questo modo
abbia dati assolutamente esatti – ha spiegato Gupta – per questo ci
siamo ispirati ai meccanismi utilizzati dalle enciclopedie libere,
come Wikipedia e il peer-rewiew delle riviste scientifiche. Si
tratta di un progetto molto ambizioso che punta a creare un enorme
contenitore di informazioni circa lo stato effettivo, qualitativo e
quantitativo della produzione energetica mondiale".

I ricercatori di Los Alamos stimano di poter avere entro agosto i
dati relativi al 50 per cento dei maggiori impianti di produzione
energetica. "Gran parte dei dati raccolti in Geo – ha
continuato Gupta – arriva dalle organizzazioni responsabili del
monitoraggio del sistema energetico nazionali oppure dalle
compagnie elettriche. Il prossimo passo sarà quello di verificare
se il nostro modello Wiki saprà dimostrare l'inconsistenza dei
dati e correggere gli errori".

L'obiettivo finale del progetto è quello di contribuire a
rendere trasparente il sistema energetico mondiale, proponendosi
come strumento per guidare la transizione verso un razionale ed
efficiente uso dell'energia.

"Confido nel fatto che Geo diventi un punto di riferimento per
scienziati e giornalisti che vogliano fare corretta informazione –
ha concluso Gupta – non abbiamo intenzione di porci come
antagonisti delle compagnie energetiche,aspiriamo bensì a fornire
un ulteriore strumento alla discussione scientifica per approdare a
un'energia economica e pulita per tutti". Il progetto Geo,
Global Energy Observatory, è consultabile all'indirizzo
http://openmodel.newmexicoconsortium.org.