Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

In Islanda la nuova costituzione nasce grazie ai social network

Per sondare il giudizio dei cittadini la commissione, che sta lavorando alla riscrittura della carta, condivide ogni norma su Facebook e Youtube

10 Giu 2011

La nuova costituzione dell'Islanda, la piccola isola dei
ghiacci travolta dalla Grande Crisi, sta nascendo grazie a Internet
e ai social network. Il lavoro della commissione costituzionale
viene infatti condiviso quasi in tempo reale attraverso Facebook e
YouTube così che ogni articolo della bozza possa ricevere input e
correzioni dal popolo della Rete. Che in un Paese di 320mila
persone dove due terzi degli abitanti possiede un profilo su
Facebook equivale più o meno al popolo tutto.

“Credo che questa sia la prima volta che una costituzione viene
stilata praticamente attraverso Internet – spiega al Guardian
Thorvaldur Gylfason, membro della commissione costituzionale –
L'opinione pubblica può così assistere alla nascita del nuovo
documento. E' un procedimento molto diverso rispetto ai vecchi
tempi, quando i padri costituenti preferivano rinchiudersi in un
luogo fuori mano, privo d'influssi esterni”.
La riforma si è imposta in seguito alla Grande Crisi, che sotto i
suoi colpi ha spazzato via l'infrastruttura finanziaria della
nazione – spingendola di fatto alla bancarotta – e di conseguenza
l'intero governo.