Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La iTv di Apple sul mercato entro l’anno

Secondo indiscrezioni i dettagli saranno svelati a settembre. La Tv “parlerà” con gli altri device di Cupertino

27 Giu 2011

Apple sta preparando il lancio della sua iTv, la tivù digitale in
HD con il marchio della mela. Lo scrive Repubblica.it, rilanciando
i rumors che si inseguono da qualche tempo in rete, sul prossimo
sbarco sul mercato dei televisori HD, un mercato da 100 miliardi di
dollari all'anno. Secondo quanto rivelato da un ex manager di
Cupertino, la casa di Steve Jobs starebbe mettendo a punto
apparecchi che incorporano il sistema operativo iOS, lo stesso che
gira su iPhone e iPad, il tutto in tandem con un produttore forte,
già presente sul mercato della tivù HD. Il nome più accreditato
è quello della coreana Samsung.

A dire il vero una Apple Tv già esiste, ma si tratta di uno
scatolotto che per funzionare deve essere connesso ad uno schermo
esterno. La nuova iTv, al contrario, sarebbe un megaschermo a sé,
full HD, con il marchio di Cupertino. Che, grazie al cuore del
sistema operativo iOS, consentirà di manovrare iTunes con il
telecomando e di interagire con tutti gli altri dispositivi della
galassia di Steve Jobs.

Apple Tv potrebbe essere dotata di connettività estesa, internet,
Bluetooth e Thunderbolt, e offrire opzioni per comunicare con i
computer di casa, e col mondo esterno con FaceTime.

Anche Google sta lavroando alla sua versione Android di connected
tv, in tandem con Sony. Per ora i risultati non sono altisonanti,
anche perché il motore di ricerca sta trovando non poche
difficoltà a procacciarsi conenuti. Un problema che
presumibilmente non dovrebbe toccare più di tanto Apple, forte di
una corsia privilegiata con le grandi majors della musica e
dell'editoria.

L'annuncio della nuova iTv potrebbe giungere a settembre, in
concomitanza con il lancio del nuovo iPhone 5, per fare poi il
pieno di vendite sotto l'albero di Natale.