Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mancano i fondi, chiude il web-magazine di Farefuturo

La rivista online delle Fondazione guidata da Gianfranco Fini cessa le pubblicazioni: “Impossibile la copertura dei costi redazionali e di gestione del sito”. Il direttore Filippo Rossi annuncia. “Proseguirò la mia battaglia con nuove iniziative”

02 Mar 2011

Gianfranco Fini perde un altro pezzo. Stavolta, però, non si
tratta di un deputato o di un senatore. A chiudere i battenti è
Farefuturo Web Magazine, la rivista online della fondazione
Farefuturo diretta da Filippo Rossi. Il motivo della chiusura,
annunciata sul sito internet è economico. “La società editrice
– recita la nota – ha dovuto prendere atto della assoluta
impossibilità a continuare l'attività giornalistica per
l'insufficienza delle risorse a sua disposizione”.
“Quando cominciammo, nel gennaio 2009 – prosegue -, ci eravamo
proposti l'obiettivo dell'autonomia finanziaria entro un
anno. Purtroppo, così non è avvenuto. Gli introiti pubblicitari
si sono progressivamente ridotti, rendendo oltremodo problematica
la copertura dei costi redazionali e di gestione del sito. Da qui
la decisione, difficile e dolorosa, di sospendere
l'attività”. Firmato: L'Editore. Che, nello specifico,
è la Fondazione presieduta dal presidente della Camera, Gianfranco
Fini, e guidata dal Segretario generale Adolfo Urso. “Ed è qui
che i problemi economici – puntualizza Il Tempo – forse,
diventano politici. Non è un segreto infatti che tra Rossi e Urso
non corra buon sangue. Troppo spesso la Fondazione è stata
costretta a dissociarsi pubblicamente dal direttore della testata
online. L'ultima volta qualche giorno fa quando Rossi ha
annunciato che avrebbe partecipato alla manifestazione indetta il
12 marzo da Articolo 21 in difesa della Costituzione. Immediata la
precisazione dell'editore: “Farefuturo è una fondazione non
un partito, non scende in piazza”.
Intanto Rossi annuncia che la sua “battaglia” continuerà con
“nuove iniziative”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link