Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Meno pubblicità per Yahoo! E il fatturato scende del 12%

L’intesa con Microsoft non genera i risultati sperati: nel quarto trimestre i ricavi calano a 1.530 mld di dollari. E gli investitori iniziano a dubitare della guidance del Ceo Bartz

26 Gen 2011

Trimestrale amara per Yahoo!. Nel quarto trimestre 2010 gli utili
della società sono più che raddoppiati ma il fatturato è calato
vistosamente, a dimostrazione che il business della pubblicità
online non riesce ancora a generare sufficienti livelli di
liquidità.
Nel trimestre gli utili si sono attestati a 312 milioni di dollari
(24 centesimi ad azione) contro i 153 milioni di dollari (11
centesimi ad azione) dello stesso periodo dell’anno precedente.
Escludendo costi straordinari, legati soprattutto ai 700
licenziamenti effettuati negli utlimi due mesi, Yahoo! avrebbe
guadagnato 26 centesimi ad azione. Gli analisti attendevano utili
pari a 23 centesimi ad azione.

Il fatturato della società è calato del 12% a 1.530 miliardi di
dollari, dai 1.730 miliardi di dollari del quarto trimestre del
2009.
I risultati sono complessivamente deludenti e molti investitori
cominciano a domandarsi se il Ceo Carol Bartz, entrata in carica a
gennaio 2009, sia davvero la persona adatta a guidare il gruppo in
un momento così delicato. Il titolo nelle contrattazioni after
hours di ieri sera ha ceduto oltre il 2%.

A preoccupare gli investitori è anche l’accordo di condivisione
siglato con Micrososft, che – lo dicono appunti questi dati –
ancora non sta generando i livelli sperati. L’intesa prevede che
Yahoo! paghi a Microsoft 12 dollari ogni 100 dollari guadagnati con
pubblicità online. Gli analisti stimano che senza questa clausola,
il fatturato di Yahoo! nell'ultimo trimestre del 2010 sarebbe
aumentato del 2-3% rispetto allo stesso periodo dell'anno
precedente.