Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nasce Ustation, il portale dei media universitari

21 Mag 2009

Nasce il 21 maggio, nell’ambito della terza edizione del Festival
delle Radio Universitarie Fru 2009 presso l’Università degli
Studi di Salerno, Ustation (www.ustation.it), il primo progetto
italiano dedicato alla produzione multimediale universitaria,
realizzato da Umedia con il supporto di Telecom Italia e in
collaborazione con RadUni, l’associazione degli operatori
radiofonici universitari.

Obiettivo principale del progetto è valorizzare i prodotti di
comunicazione realizzati in tutte le università italiane
all’interno dei laboratori multimediali, dei singoli corsi, degli
incubatori e dei circuiti creativi, sostenendone lo sviluppo.
Ustation vuole riunire tutti i media universitari in un unico sito
web disegnato con una logica tipicamente web 2.0. La piattaforma
ospita infatti una sezione live dove si possono visualizzare le
emittenti d’ateneo in onda – sono già una trentina le radio, le
tv ed i magazine che hanno aderito al progetto – e offre a ciascun
utente, dopo aver aperto il proprio profilo, la possibilità di
condividere audio, video, foto, video cv, dar vita a un blog,
organizzare sondaggi e concorsi, porre quesiti, creare amicizie,
interagendo con quanti fanno parte della community.

I migliori contenuti di Ustation saranno inoltre protagonisti di
“Universication”, il nuovo programma di LA7 che a partire da
settembre esplorerà i nuovi linguaggi televisivi attraverso il
dialogo con Internet, i new media e le nuove generazioni. Tra i
video trasmessi sarà presente anche il reportage del Festival
delle Radio Universitarie vincitore del concorso “Racconta il tuo
Fru” (iscrizioni entro il 31 luglio sul sito
www.ustation.it).

“La costituzione di una rete di media universitari è il
presupposto indispensabile di Ustation” – spiega Gianluca
Reale, amministratore unico di Umedia – “su queste basi è
possibile far emergere la ricchezza espressiva degli University
Creative Contents (UCC), dei circuiti che li veicolano e degli
studenti stessi che li originano. Il portale è il fulcro di questo
progetto che all’inizio si configurerà come un aggregatore dei
contenuti delle emittenti e dei singoli producer, mentre in una
seconda fase darà vita, attraverso formati partecipativi e
innovativi, a nuovi prodotti di comunicazione. La web company
Umedia è il braccio operativo di RadUni e si propone di operare
come interfaccia tra i circuiti creativi universitari di tipo
bottom up e l’industria della comunicazione. Vogliamo svolgere
una funzione di raccordo tra queste due realtà che hanno pochi
punti di contatto e che hanno bisogno l’una dell’altra”.

“Con questa collaborazione Telecom Italia conferma il suo impegno
per la creazione e lo sviluppo di un nuovo ecosistema delle
comunicazioni in grado di favorire l’innovazione e di offrire
nuove opportunità ai giovani e all’intero sistema Paese” ha
affermato Carlo Fornaro, direttore relazioni esterne di Telecom
Italia. “Siamo pertanto orgogliosi di poter mettere a
disposizione di questo progetto tutte le nostre competenze e le
nostre infrastrutture tecnologiche e, in una logica di integrazione
tra i diversi mezzi di comunicazione, di offrirgli un’ulteriore
importante occasione di visibilità e notorietà grazie alla
vetrina offerta dal nuovo programma Universication di LA7”.

“Ustation è un progetto estremamente importante per i media
universitari e per quanti vi collaborano attivamente” –
commenta Gioia Lovison, presidente di RadUni – “ed è per
questo che, come associazione, lo abbiamo sostenuto fin dal primo
momento. Crediamo che attraverso questa iniziativa si possano
aprire scenari nei quali radio e tv d’ateneo avranno un ruolo di
primo piano e in cui gli studenti potranno farsi apprezzare per il
loro talento e procurarsi più facilmente opportunità
professionali”.
Sono previste, inoltre, iniziative di promozione e tour a partire
da giugno per alimentare la nuova community della creatività
universitaria e giovane.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link