Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nuovi strumenti per il controllo della privacy

09 Dic 2009

Gli oltre 350 milioni di utenti di Facebook fra non molto potranno
personalizzare le modalità di condivisione di ogni singolo
contenuto. Lo ha annunciato il grande social network, che chiederà
ai suoi utenti di rivedere e aggiornare le proprie impostazioni
sulla privacy.

“Il nostro scopo è sempre stato quello di consentire alle
persone di controllare quali informazioni condividere e con chi, ed
è per questo che il nostro servizio continua ad attrarre un numero
così vasto e diversificato di utenti in tutto il mondo. Quello di
oggi è un ulteriore passo avanti di cui siamo fieri” – ha
dichiarato Elliot Schrage, vice presidente di Communications,
Public Policy and Marketing di Facebook.

Le principali novità sono quattro:
– Maggiore controllo per ogni elemento; gli utenti, nel momento
stesso in cui creano un post, possono decidere se condividerlo e
con chi condividerlo
– Semplificazione delle impostazioni sulla privacy: la pagina delle
impostazioni sulla privacy, di cui molti utenti avevano lamentato
la confusione e la difficoltà di utilizzo, è stata completamente
ridisegnata rendendone i controlli più facili e intuitivi
– Aiuto nella scelta delle impostazioni: Facebook presenterà agli
utenti uno Strumento di Transizione che chiederà loro di
aggiornare le proprie impostazioni sulla privacy scegliendo fra due
opzioni: mantenere quelle attuali o accettare i suggerimenti di
Facebook
– Privacy Center, una guida completa che aiuta l’utente a
comprendere e controllare la modalità di condivisione delle
informazioni.

Chris Cox vice presidente del Product Management ringrazia
soprattutto gli utenti, perché proprio i loro suggerimenti hanno
consentito a Facebook  di avviare questa sorta di rivoluzione del
trattamento della privacy su Internet, e non vuole neanche sentir
parlare di punto d’arrivo, dato che “ si tratta solo del più
recente traguardo di un processo in continuo movimento.”