Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pubblicità su Internet, investimenti a +17,7%

Nielsen: il Web registra l’aumento maggiore (27,4%) di inserzionisti pubblicitari

12 Ott 2010

Mercato pubblicitario in buona salute nei primi otto mesi del 2010.
A trainare la crescita sono soprattutto Radio e Internet, che si
confermano i media più brillanti, con un incremento
rispettivamente del 12,8 e del 17,7%. Sul Web il settore più
importante rimane quello dei media/editoria, dove gli investimenti
pubblicitari sono aumentati del 58,5%, seguito da quello delle
automobili (+ 27,3%) e da quello delle tlc (+14,9%).

I dati relativi alla raccolta pubblicitaria generale, pubblicati
dall’istituto di ricerca Nielsen, segnano un andamento positivo
nel primo semestre dell’anno, con un incremento del’4,8%, per
un fatturato complessivo di oltre 5 miliardi di euro. Ancora
migliore (+5,7%) il dato relativo alla sola tipologia commerciale
nazionale. Il valore degli investimenti nel solo mese di agosto
ammonta a 260 milioni di euro, con un aumento del 5,2% rispetto
allo stesso mese del 2009. Aumenta anche il numero degli
inserzionisti pubblicitari, in particolare su Internet (+27,4%),
mentre sulla tv il numero di aziende sono cresciute del 9,1% e sui
quotidiani cartacei a pagamento del 5,7%.

Lo studio rileva inoltre che la televisione, sia canali generalisti
che satellitari (Sky e Fox), ha chiuso il semestre con una crescita
del +7,7% e una raccolta pubblicitaria superiore ai 2,9 miliardi.
Nello stesso periodo l'audience media mensile sul piccolo
schermo è aumentata dell'1,9%.Le aziende che tra gennaio e
luglio 2010 hanno maggiormente aumentato gli investimenti in tv
sono quelle che operano nei settori elettrodomestici (+35,3%),
abbigliamento (+29,1%) e distribuzione (+25,1%).

Ancora in calo invece la carta stampata, che nonostante un aumento
del 3% (la commerciale nazionale) nel settore dei quotidiani, segna
un ulteriore decremento in quello dei periodici (-8,4%) e della
free press (-10,8%) rispetto al 2009.
Da segnalare, infine, i trend positivi di direct mail (+5,7%) e
outdoor (+8,9%).

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link