Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Via agli spot online

16 Dic 2010

Farà leva anche su Internet la campagna di advertising che il
Forum Nucleare Italiano battezzerà sui principali media a partire
da domenica 19 dicembre.

“Tu sei a favore o contro l’energia nucleare o non hai ancora
una posizione?” È questa la domanda che il Forum Nucleare
Italiano pone alla fine dello spot. Si tratta della prima campagna
istituzionale in Italia che ha come scopo quello di riprendere il
dibattito pubblico sui temi legati al nucleare, fermo da oltre
vent’anni. Per questo motivo il Forum Nucleare Italiano,
l’associazione che raccoglie 24 tra aziende, università, centri
di ricerca e sindacati, ha affidato a Saatchi & Saatchi la prima
grande campagna di comunicazione sull’energia nucleare che verrà
pianificata in tv e nei cinema, sui principali quotidiani e
periodici, nei principali aeroporti e sul web.

L’idea alla base della campagna – spiega il Forum – è quella di
una partita a scacchi in cui due diverse visioni si affrontano: una
favorevole al nucleare e l’altra contraria. Ogni pedina mossa
sullo scacchiere corrisponde a un pensiero sul nucleare. Bianchi e
neri, favorevoli e contrari si affrontano con dati e legittimi
interrogativi. Significativo è l’epilogo dello spot da 45 e 30
secondi. Mossa dopo mossa si giunge ad un finale inatteso, quando
cioè si scopre che il giocatore sta giocando con un avversario
altrettanto forte: se stesso.

Così come avvenuto anche in altri Paesi europei, come ad esempio
in Belgio, l’obiettivo di fondo della campagna è quello di far
conoscere il Forum Nucleare Italiano e di riaprire un dibattito,
permettendo a tutti di avere un’opinione più consapevole
sull’energia nucleare: favorevole o contraria.

“Con questa campagna – sostiene il presidente del Forum, Chicco
Testa – vogliamo riaprire un discorso chiuso bruscamente 24 anni
fa. Oggi, quella del nucleare è un’alternativa energetica pulita
e conveniente, in termini economici e ambientali, ma non sarà mai
possibile un dialogo costruttivo se prima non si mette tutti in
condizioni di avere informazioni chiare, complete e certe sotto il
profilo scientifico. Per questo motivo – prosegue Testa – il
Forum si propone come luogo di discussione e confronto di idee,
serie e libere da inutili preconcetti basati su posizioni
ideologiche aprioristiche”.

“È una tematica nuova per l’Italia – afferma il presidente
di Saatchi & Saatchi, Fabrizio Caprara, aggiungendo che si tratta
di – una campagna che invita a una riflessione e che presenta il
nucleare non come un problema o una soluzione ma come una
possibilità per il nostro Paese”.

La campagna è stata ideata da Edoardo Loster (copywriter) e
Francesca Risolo (art director), con la direzione creativa di
Agostino Toscana e Alessandro Orlandi.

Sono soci del Forum Nucleare Italiano: Alstom Power, Ansaldo
Nucleare, Areva, Confindustria, E.on Italia, Edf, Edison, Enel,
Federprogetti, Flaei/Cisl, Gdf Suez, Sapienza Università Di Roma,
Politecnico di Milano, Sogin, Stratinvest Energy, Techint, Technip,
Tecnimont, Terna, Uilcem/Uil, Università Di Palermo, Università
Di Genova, Università Di Pisa, Westinghouse.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link