Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Video online in crescita. In Italia consumi al raddoppio

Mediascope: oltre 7 milioni i navigatori che utilizzano il web per visionare o scaricare filmati. La diffusione della banda larga fissa e mobile spinge il fenomeno

10 Mag 2010

In Italia aumenta il consumo dei video online. Sono infatti 7
milioni gli utenti che utilizzano la rete per vedere e scaricare
video, in Europa hanno raggiunto quota 120 milioni. A dimostrarlo
una ricerca promossa da Mediascope (Eiaa, European Interactive
Advertising Association), condotta in 15 paesi su un campione di
521 milioni di persone.

Nel nostro paese, tra gli utenti che utilizzano Internet quelli che
scaricano film e video clip o guardano la Tv online a pagamento
sono aumentati del 50% rispetto al 2008, attestandosi intorno al
31%. Tra questi, il 91% utilizza una connessione a banda larga e il
68% si connette anche in mobilità. Oltre ai video, le attività
più popolari sono ascoltare la radio (49%) e scaricare musica
(41%). Anche la comunicazione online è centrale, il 44% di questi
utenti utilizza i social network e il 50% l’instant
messaging.

I siti più visti dai fruitori di video sono quelli di news (69%),
seguono quelli di informazioni locali (56%), poi film (54%), viaggi
(52%) e confronto prezzi (52%). Il 77% degli intervistati afferma
che Internet ha facilitato i contatti con amici e parenti. Anche
l’e-commerce trae benefici dalla fruizione di video online. Il
50% degli utenti dichiara infatti di aver potuto scegliere prodotti
o servizi migliori, il 47% ha potuto aggiornarsi su temi legati
all’ambiente e il 42% ha prenotato vacanze e organizzato
viaggi. 

Non solo, ciascun utente ha effettuato almeno 10 acquisti via web
negli ultimi sei, spendendo circa 459 euro. Tra gli acquisti più
popolari figurano: libri 45%, vacanze 40%, biglietti di viaggio
36%, Cd 27%, abbigliamento 24%, assicurazioni 24%, biglietti per
concerti e spettacoli 23%.