Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Alfano: “La giustizia digitale presto operativa anche al Sud”

Dopo quello di Roma il tribunale di Catania avvierà procedimenti di comunicazione elettronica degli atti giudiziari

04 Nov 2009

L'eliminazione della carta dal sistema Giustizia italiano sarà
completata prima del 2012, così come  fissato dal piano e-gov. A
lanciarsi nell’ottmistica previsione è stato il titolare della
Pubblica amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta in una
conferenza stampa congiunta con il ministro della Giustizia
Angelino Alfano. “Entro il 2010 raggiungeremo i due terzi del
cronogramma dell'accordo siglato con il ministro Alfano e la
saturazione penso che avverrà prima del 2012 – ha precisato il
Brunetta -. La navigabilità degli atti depositati cancelleria del
Gip  e Riesame di Roma oggi è una realtà. Realtà che ha
garantito un risparmio di carta, toner e di tempo enorme, nonché
un non trascurabile miglioramento della qualità del lavoro degli
operatori della giustizia”.

La conferenza di Palazzo Chigi è stata anche l’occasione per
annunciare che la prima sezione del tribunale penale di Roma ha
accettato di inviare le trascrizioni degli interrogatori via
e-mail, evitando la proliferazione di documenti cartacei e
permettendo  agli avvocati di non recarsi fisicamente in
cancelleria con un notevole taglio dei tempo.

Dal canto suo il ministro Alfano ha annunciato i prossimi step
della giustizia digitale  “A breve toccherà a Catania avviare
procedure digitali sul modello di quelle attuate a Roma. – ha
precisato il Guardasigilli -. Poi, entro il primo dicembre, al
tribunale di Rimini sarà operativo un sistema di comunicazione
elettronica del processo civile”.

E a chi titubava sulla “sicurezza” dei sistemi di
comunicazione che trasportano dati più che sensibili, i ministro
hanno assicurato che “tutto il sistema della comunicazione
elettronica è in totale sicurezza”. A sostenere
l’affermazione il presidente del Cnipa, Fabio Pistella. “Si
tratta del miglior sistema di sicurezza su scala internazionale
-ha spiegato Pistella- se funziona su Roma, che è un sistema
complesso, funzionerà anche altrove”,  ha detto Pistella

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link