Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Carta d’identità elettronica: si parte con i dipendenti pubblici

La nuova card multiservizi sarà attivata entro un anno per tutti i lavoratori della PA centrale, militari inclusi. Fungerà da documento di identificazione, sarà valida per l’espatrio e consentirà anche di accedere alle postazioni di lavoro nonché a tutti i servizi pubblici, inclusi firma digitale e Pec

09 Mag 2011

Il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione
Renato Brunetta ha presentato nel corso di una conferenza stampa
tenutasi durante il Forum Pa, inaugurato oggi alla Nuova Fiera di
Roma, la carta elettronica per i dipendenti pubblici.

Con il Dpcm 24 maggio 2010 infatti sono state stabilite le regole
tecniche per il rilascio in formato elettronico della carta
personale di riconoscimento (di cui al Dpr n. 851/1967 – Modello
ATe) ai dipendenti di ruolo delle amministrazioni pubbliche statali
nonché al personale militare in attività di servizio e in
posizione ausiliaria.

Entro un anno dunque tutti i dipendenti delle pubbliche
amministrazioni centrali disporranno di una carta personale AT
(anche quelle locali potranno aderire all’iniziativa) che
consentirà al lavoratore di avere una tessera elettronica di
riconoscimento “a vista” valida per l’espatrio e che
permetterà l’accesso a tutti i servizi digitali della PA, così
come previsto dal Codice dell’amministrazione digitale (Cad).

La nuova carta, aggiunge Palazzo Vidoni, consente allo Stato di
"contenere la spesa, offrendo ai propri dipendenti
un'unica carta per accedere al lavoro e alla mensa e di
facilitare il processo di digitalizzazione". Riguardo ai
tempi, è prevista la produzione di 5mila carte al giorno, ma il
numero può anche aumentare. Brunetta ha evidenziato che "si
aggiunge alla carta d'identità e può sostituirla. Si tratta
dell'evoluzione del vecchio tesserino del dipendente
pubblico". Il costo è di 5-10 euro a tessera (è
co-finanziata dal ministero).

Con questa iniziativa la pubblica amministrazione avrà un cospicuo
contenimento di costi offrendo ai propri dipendenti un’unica
carta multiservizi e proseguirà il suo spedito processo di
digitalizzazione attraverso la dematerializzazione dei documenti
cartacei, l’informatizzazione dei flussi lavorativi e attraverso
una maggiore trasparenza amministrativa.

Inoltre con la nuova tessera sarà possibile attivare una serie di
servizi opzionali: firma elettronica qualificata o digitale,
controllo accessi, rilevamento presenza, accesso alla postazione di
lavoro, accesso ad aree riservate, accesso alla mensa, accesso
sicuro alla postazione di lavoro, posta elettronica certificata
(Pec), posta elettronica sicura.

La tessera elettronica infine potrà essere utilizzata anche come
strumento di accesso alle convenzioni previste per i dipendenti
della pubblica amministrazione centrale e locale (come ad esempio
sconti per l’ingresso a musei e biblioteche, servizi di carta
fidelity nel settore dei trasporti, ecc.).

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link