Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Dagli smartwatch alle GoPro, ventata hi-tech nel paniere Istat

Entrano action camere, orologi smart, bracciali per il fitness e soundbar. Salutano le videocamere tradizionali causa boom sugli smartphone

03 Feb 2017

Andrea Frollà

Nuova ventata hi-tech per il paniere dell’Istat. L’aggiornamento del gruppo di prodotti e servizi monitorati dall’Istituto italiano di statistica per tenere sotto controllo l’andamento dell’inflazione porta in dote alcuni dei prodotti che negli ultimi tempi hanno conquistato il mercato consumer.

Dagli smartwatch che, spiega l’Istat, colgono l’evoluzione della domanda di prodotti tecnologici da parte dei consumatori, alle soundbar per amplificare i suoni, passando per le action camera rese famose da GoPro e i bracciali hi-tech per il fitness che l’Istituto considererà separatamente dalla categoria smartwatch. Escono invece dal paniere le videocamere tradizionali, per le quali “la spesa sostenuta dalle famiglie risulta in deciso calo a causa della crescente diffusione di smartphone con alte prestazioni nelle riprese video”.

La categoria più “pesante” è senz’altro quella degli smartwatch che ultimamente non se la passano affatto bene. Gli ultimi dati di Idc segnalano infatti un dimezzamento delle vendite fra il 3° trimestre 2016 e lo stesso periodo dell’anno prima, da 5,6 a 2,7 milioni di unità. Si tratta di un mercato giovane che è già alle prese con una netta frenata, sulla quale si stanno interrogando i produttori già in campo e quelli potenzialmente interessati a entrarvi.

Chi sembra decisa a proseguire la corsa al mercato wearable è Apple, regina del mercato con 1,1 milioni di smartwatch venduti nei tre mesi analizzati da Idc. Solo pochi giorni fa il colosso californiano ha annunciato ricavi record per i suoi Apple Watch e nessuno ha fatto intendere una qualsiasi volontà di mollare la presa su questo segmento. Nemmeno dai vari Garmin, Samsung, Lenovo o Pebble (comprata a fine 2016 dalla società di fitness wearable Fitbit) hanno pubblicamente dimostrato l’intenzione di abbandonare il mercato smartwatch.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
G
GoPro
I
inflazione
I
istat
S
smartwatch

Articolo 1 di 3