Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Emilia-Romagna: il Bur digitale taglia 240 tonnellate di carta

Se il bollettino regionale elettronico fosse adottato da tutte le Regioni italiane si avrebbero risparmi per 40 milioni di euro l’anno

16 Set 2011

Con il Bollettino ufficiale regionale digitalizzato (Burl)
l'Emilia-Romagna ha risparmiato 240 tonnellate di carta. Se
tutte le Regioni utilizzassero il Burl, senza alcun calo di
informazione né di efficacia, si potrebbero risparmiare 4.500
tonnellate di carta, pari a oltre 7.000 tonnellate di Co2 e circa
40 milioni di euro.

E' quanto emerge dal prpgetto formativo rivolti ai dipendenti
regionali, dal titolo "Documenti e bit: prospettive e
problematiche della de-materializzazione in Assemblea
legislativa".

All'iniziativa ha partecipato anche il presidente
dell'assemblea regionale Matteo Richetti che ha approfittato
della platea per sottolineare come "i processi di
semplificazione e trasparenza della Pubblica amministrazione hanno
perso velocità e valenza strategica, rispetto a una decina di anni
fa".

"Oltre alla diffusione di buone prassi sulle tecnologie
digitali, serve una nuova assunzione di responsabilità da parte
della politica", è convinto il presidente dell'Assemblea
legislativa. Richetti calca sulla necessità di accelerare la
rivisitazione del procedimento amministrativo e delle attività di
comunicazione con il cittadino, da considerare parte integrante del
procedimento stesso. Da qualche tempo, fa notare, la politica cade
nell'errore di considerare queste tematiche come materia per i
tecnici.

"Certo, è giusto impegnarsi affinché ogni ufficio pubblico
funzioni con più tecnologia e informatizzazione, e meno carta –
puntualizza – Ma è la direzione dei cambiamenti organizzativi, il
loro senso di marcia che va riprogettato: questi cambiamenti sono
da anni indotti dalla necessità di contenere i costi della
Pubblica amministrazione, anziché avvenire tramite investimenti
sulle risorse umane".

Come esempio di difficoltà, Richetti segnala la lentezza con cui
si sta portando a compimento un'unica banca dati legislativa,
mettendo a disposizione dei cittadini gli archivi di Camera, Senato
e Assemblee legislative regionali.