Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Giustizia, a febbraio via alle Web-notifiche penali al tribunale di Milano

Il ministro Brunetta e il presidente Livia Pomodoro si impegnano a rendere operativo il provvedimento chiave per il processo digitale

24 Ott 2011

Brunetta spinge sulla giustizia digitale. Questa mattina il
ministro per la PA e Innovazione ha ricevuto a Palazzo Vidoni il
presidente del Tribunale di Milano – pioniere del processo civile
telematico – Livia Pomodoro per fare il punto sulle attività di
interesse comune in corso di attuazione. Entrambi hanno espresso la
soddisfazione sullo stato di avanzamento del Piano Straordinario
per la digitalizzazione della giustizia, grazie al quale entro fine
novembre saranno consegnate al Tribunale e alla Procura di Milano
oltre 160 postazioni di lavoro per un totale di circa 500
dispositivi.

E’ stato inoltre definito un impegno comune per l’avvio, fin
dal prossimo febbraio, della nuova procedura di notificazione
digitale nel settore penale e quindi per il passaggio nei primi
giorni di aprile all’utilizzo esclusivo del canale
telematico.
Il ministro Brunetta e il presidente Pomodoro hanno inoltre
esaminato le problematiche relative alle procedure di mobilità
necessarie per l’inserimento negli uffici giudiziari di Milano di
personale attualmente in organico presso la Provincia, impegnandosi
per la parte di propria competenza all’accelerazione delle
necessari procedure.

Nel corso della riunione sono state inoltre esaminate
congiuntamente le soluzioni praticabili per superare specifiche
difficoltà legate al prossimo avvio del nuovo sistema di
comunicazione telematica con gli avvocati. Dopo aver preso atto dei
rilevanti passi in avanti compiuti dal Tribunale sul fronte della
digitalizzazione, Brunetta e Pomodoro hanno infine convenuto
sull’opportunità che la positiva esperienza condotta a Milano
possa essere trasferita in tempi brevi anche ad altri Tribunali,
grazie alla definizione di appositi programmi di gemellaggio.
Contatti in tal senso sono già stati presi con i Tribunali di
Catania e di Reggio Calabria. E’ stato infine deciso un nuovo
incontro entro la fine dell’anno, utile a un aggiornamento dei
risultati nel frattempo conseguiti.